Università degli Studi

di Trento

Sistema Bibliotecario di Ateneo

Polo umanistico-letterario

 

 

 

RES  NOVAS

5/2009  (XCVIII)

Notiziario (saltuario) di umanesimo digitale

 

 

 

 

 

 

Siti e progetti di interesse umanistico
Informazioni ed utilità umanistiche
Strumenti, tecniche e suggerimenti per la ricerca

Arretrati

Per ricevere il notiziario in posta elettronica scrivere al curatore inviando il proprio indirizzo email

 

 

 

 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
°°°°°°°°°°°°


 
  

 

 

 

SITI E PROGETTI DI INTERESSE UMANISTICO

 

 

 

 

LAOS   -  A Linguistic Atlas of Older Scots

“This is the first publication of the first phase of LAOS, in the form of an interactive website. LAOS aims to present information about the variation in space and time of linguistic forms found in Older Scots texts. Older Scots conventionally covers the period 1150 to 1700, although the extant continuous texts date between 1380 and 1700. This first phase of the atlas covers the earlier period, 1380 to 1500. Also, the corpus of texts used in this version, 1.1, contains primarily ‘local documents’, i.e. writings which can be localized from internal, non-linguistic references. A sub-corpus of literary texts in manuscripts from the period before 1500 is in preparation. The aim is to add this to LAOS as time permits during the next two or three years (2008 - 2011).

LAOS contains: Corpus of lexico-grammatically tagged texts;  a database containing information about the texts;  a set of Tasks which allow you to search the databases.

LAOS will allow you to: search and retrieve linguistic data from its corpus of lexico-grammatically tagged texts;  search and retrieve data from the database of sources;  view maps showing the geographical distribution of linguistic features across space;  view and create chronological tables, graphs and charts showing the distribution of linguistic features through time.”  (cit. dal web propr. 7/5/09)

http://www.lel.ed.ac.uk/ihd/laos1/laos1.html

 

OSCENITY IN RENAISSANCE FRANCE

“This is the website of the AHRC-funded research network, ‘Obscenity ion Renaissance France’. Bringing together scholars from the UK, France, Netherlands and USA, the network aims examine complex notions of obscenity during the French Renaissance, challenging popular notions of  “Rabelaisian debauchery”. The network organised a series of meetings in 2007-2009, culminating with a panel discussion at Sixteenth Century Society and Conference  in May 2009. Additionally two major publications are planned. A further output (available on this website) is  the ‘Database of rude words’ which describes French and neo-Latin terms ranging from sexual double-entendres to scatalogical insults.”  (cit. da Intute   8/5/09) 

URL http://groups.exeter.ac.uk/obscenity/

 

TEATRO DEL SIGLO DE ORO

“La Biblioteca Nacional cuenta con el más importante fondo de teatro antiguo Español. Es muy notable su colección de manuscritos, con más de 2.000 pertenecientes al Siglo de Oro, entre los que destacan de manera especial los autógrafos… El presente portal quiere ser un lugar de referencia fundamental del teatro español áureo, con una atención preferente al control de sus fuentes textuales. Para ello irá ofreciendo copias digitales de los ejemplares custodiados en la BN, constituyentes del fondo más importante con mucha diferencia de cuantos se han conservado, gracias a la confluencia de colecciones tan destacadas como las de Gayangos, Osuna, Durán o La Barrera.

Autógrafos, copias manuscritas, partes, sueltas, relaciones, conformarán el grueso de los contenidos del portal. Pero además de esta sección principal de "Textos dramáticos", en la de "Instrumentos bibliográficos" se dará libre acceso a índices y catálogos de consulta tan inexcusable como, a menudo, difícil (por carecer de ediciones actuales y antiguas, en algunos casos): Fajardo, Medel, Durán, García de la Huerta, Mesonero, La Barrera, Paz y Melia, etc.”  (cit. dal web propr. 12/5/09)

Comprende i testi digitalizzati di bibliografie e saggi.

http://teatrosiglodeoro.bne.es/es/Presentacion/index.html

 

PROYECTO ARTELOPE  -  Base de datos y argumentos del teatro de Lope de Vega

“En la perspectiva del desarrollo y aplicación de nuevas tecnologías en las Humanidades, y en la de la elaboración de grandes instrumentos para la investigación, el Proyecto Artelope supone la creación de un banco de datos y argumentos para un corpus fundamental del patrimonio literario español, muy difícil de abordar desde planteamientos de conjunto por su desmesurado tamaño: el teatro de Lope de Vega…El objetivo principal es la sistematización en un formato electrónico de Base de Datos capaz de suministrar a los estudiosos y profesionales del teatro el inmenso conjunto de las obras de Lope (o atribuidas) en un formato manejable para la investigación y para la consulta. Para ello se ha elaborado un modelo de ficha por obra que contiene un conjunto de hasta 20 campos de información, todos relacionables entre sí y la mayoría de ellos con un desglose de información en su interior, junto con Notas y Observaciones. Los campos son, básicamente, de tres tipos:

 • Una serie de Datos bibliográficos propios del texto dramático (Títulos, Presencia en las listas de El peregrino en su patria, Ediciones Antiguas, Manuscritos, Ediciones Modernas…).

 • Una serie de Anotaciones pragmáticas (Datación, Fiabilidad de la autoría, Dedicatorias) y formales (Cómputo de Versos, Tipo de segmentación interna) propias de cada obra.

 • Una serie de Caracterizaciones que atañen al Argumento (Listado y caracterización de personajes no computables, Listado y caracterización de Personajes computables, Universo social propio de la obra, Género dramático, Temporalidad de la acción, Espacios representados, Duración de la acción, Observaciones) que culmina con el resumen del Argumento.

La construcción de una Base de Datos que adapta a nuestras necesidades la última versión del File Maker, y que incorpora toda la metodología creada durante estos años, potencia extraordinariamente la capacidad de asociar todos los datos y permite al investigador y al lector construir sus propias indagaciones, transformando la información contenida en el Diccionario en conocimiento científico elaborado.”  (cit. dal web propr. 12/5/09)

http://artelope.uv.es/w3al/index.php

 

OCHRE  -  Online Cultural Heritage Research Environment

“...Is an Internet database system for cultural heritage information. It is intended for researchers engaged in artifactual and textual studies of various kinds. It is especially suitable  for organizing and publishing the results of archaeological excavations and surveys and  for preparing and disseminating philological text editions and dictionaries.

OCHRE is currently being tested and refined by several pilot projects. An online help system and detailed user manual are under development. When testing and documentation are completed, OCHRE will be made available to other researchers. For more information, please contact David Schloen at the University of Chicago.

OCHRE encompasses the varied evidence of past human activity, written and unwritten, within a flexible yet coherent framework. It has a simple basic structure—a “core ontology”—within which it can integrate data of diverse origins. Archaeologists and philologists work with information that is derived from multiple sources; recorded in diverse formats, as photographs, drawings, maps, structured tables, and unstructured text; and described using different taxonomies. OCHRE is designed to organize such information into a coherent, easily searchable corpus, not only within a given research project, but also across multiple projects.”  (cit. dal web propr. 12/5/09)

http://ochre.lib.uchicago.edu/

 

RIVES  -  Répertoire d'Images Viatiques / Repertorio d'immagini di viaggio

Banca dati “...che permette anche una localizzazione spaziale su carta geografica interattiva, costituisce uno strumento di conoscenza destinato ai ricercatori ma anche al vasto pubblico. Essa consente lo studio d'immagini e testi di viaggio antichi fornendo inoltre informazioni di carattere biografico e bibliografico.

Sviluppata nell'ambito del progetto VIATICALPES, finanziato dal Fondo Nazionale Svizzero per la ricerca scientifica e dall'Università di Losanna, questa banca dati riunisce attualmente un migliaio di illustrazioni delle Alpi e parti di testo (numero in continuo aumento), estratti da antichi libri di viaggio (1540-1860)....

... Piattaforma condivisa da diversi gruppi di ricerca...la banca dati RIVES fornirà nei prossimi mesi anche la documentazione proveniente da altre aeree geografiche: in particolare, i viaggi nel Pacifico (progetto dell'Università Sorbona di Parigi), i viaggi in Canada (progetto dell'Università Laval/Quebec) ecc.”  (cit. dal web propr. 18/5/09)

http://www3.unil.ch/viatimages/

 

ARCHIVI ON-LINE  -  Progetto del Senato della Repubblica

“Il Senato della Repubblica ha promosso il progetto Archivi on-line che ha l'obiettivo di creare un archivio unico virtuale del patrimonio documentale di personalità politiche, partiti e gruppi parlamentari, conservato presso l'Archivio storico del Senato e presso Istituti e Fondazioni. Obiettivo di Archivi on-line è la realizzazione dell'efficace integrazione delle fonti per la storia politica e istituzionale, anche al fine di definire percorsi di ricerca trasversali sui diversi Fondi, con un unico motore di ricerca.

Caratteristica innovativa che contribuisce a rendere unico il progetto è la disponibilità in linea non solo degli inventari ma anche dei documenti, riprodotti in formato digitale. Sono attualmente disponibili circa 1.000.000 di documenti. Si tratta prevalentemente di corrispondenza, interviste, discorsi, materiale fotografico e audiovisivo.

È questo un contributo volto ad attribuire all'Istituzione, attraverso il suo Archivio storico, il ruolo di ente promotore della tutela e della valorizzazione delle fonti documentarie per la storia politica del Paese, insieme con i progetti Senatori d'Italia e Le carte della politica.”  (cit. dal web propr. 20/5/09)

Sono al momento presenti 23 fondi di  13 diverse Istituzioni e Fondazioni: le funzioni di ricerca sono numerose, semplici  ed intuitive. Quando in una scheda di documento è presente il link “Documenti associati”, è possibile accedere alle fonti digitalizzate.

http://www.archivionline.senato.it/

 

 

NOVITÀ nella Rassegna degli strumenti informatici per lo studio dell’antichità classica
Aggiornamento al 19 gennaio 2007
NOVITÀ in  Reti Medievali
Aggiornamento  al  30 aprile 2008
Presentazione di Reti Medievali in Power Point (aggiornamento: aprile 2004)

NOVITÀ in  Italianistica Online
Aggiornamento al  22 maggio 2009

NOVITÀ nella Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
Aggiornamento al  28 maggiio 2009

NOVITÀ in  SWIF - Sito Web Italiano per la Filosofia
Progetto terminato nel 2008: il sito contiene l' archivio dal 1995

NOVITÀ in  Philosophia Medii Aevi   
Aggiornamento  al  11  maggizo 2009


 

inizio


 
 

°°°°°°°°°°°°
°°°°°

 

 

 

 

 

 

INFORMAZIONI ED UTILITÀ UMANISTICHE

 

 

.

Corpora4Learning.net

 “This website provides links and references for the use of corpora (english corpora), corpus linguistics and corpus analysis in the context of language learning and teaching. It also links to two ongoing research and development projects in which I am involved, the EU MINERVA project SACODEYL (development and pedagogical exploitation of youth language corpora) and the ELISA corpus, which I started to develop at the University of Tübingen (Applied English Linguistics) as a resource for language learning and teaching.”  (cit. dal web propr. 7/5/09)    

http://www.corpora4learning.net/

 

FreeLing home page

“FreeLing is a open source language analysis tool suite…The tools have been developed by the TALP Research Center at the Polytechnic University of Catalonia. The software is programmed in C++ and runs under Linux but instructions for porting to other platforms are provided.

At the time of review the suit contains English, Spanish, Galician, Italian and Catalan dictionaries; a text tokenisation tool; a sentence splitting tool; a tool for morphological analysis; and a part of speech tagger to mention a few. There is an online analyser that allows analyses of smaller samples, as demonstration, and there is extensive online documentation and manuals. Registration is free and quick but is needed for some of the features on the site.

The site provides clear and useful instructions for installing the software. This is a powerful and very useful resource but it demands some knowledge of Linux and how to install software and prepare the system, alternatively how to compile and run C++ programs under other operating systems. Although this is not plug and play software this suit is a very useful tool for those interested in corpus linguistics and text analysis, especially in English, Spanish, Catalan, Galician or Italian.

http://garraf.epsevg.upc.es/freeling/

 

Online Corpora

Online Corpora è una raccolta di corpora linguistici a cura del professor Mark Davies della Brigham Young University. I corpora, liberamente disponibili nel sito, consentono la ricerca per parola e per frase evidenziandole nel contesto (ed eventualmente con la possibilità di espandere il contesto stesso); il motore di ricerca e l'interfaccia sono facili da usare  e costituiscono uno strumento molto utile per chiunque sia interessato alla ricerca linguistica. Sono disponibili:

-Corpus of Contemporary American English

-British National Corpus

-TIME Magazine corpus

-Corpus del Español

-Corpus do Português.

-Oxford English Dictionary

(visto il 12/5/09)

http://corpus.byu.edu/

 

Accents of English from Around the World

Questa pagina, a cura dell’ Arts and Humanities Research Council (AHRC) e ospitata nel sito dell’ Università di Edimburgo, consente di confrontare le diverse pronunce della lingua inglese mediante registrazioni audio dei suoni e anche mediante le trascrizioni eseguite in base ai simboli dell’International Phonetic Alphabet (IPA). Le opzioni offerte sono sia sincroniche che diacroniche:

•   cronologiche con le forme dell’ inglese antico (Late Modern English, Early Modern, Middle and Old English, Proto-Germanic)

•   geografiche

•   contesto sociologico

Nello stesso sito si stanno sviluppando pagine analoghe riguardanti altre lingue (germaniche, romanze, quechua). (visto il 12/5/09)

http://www.soundcomparisons.com/

 

ICVBC  -  Istituto per la Conservazione e la Valorizzazione dei Beni Culturali

L’ ICVBC nasce nel 2001 dall’accorpamento dei 3 Centri di Studio per le Opere d’Arte del CNR, già creati a partire dal 1971 ereditandone la tradizione operativa e di studio. L’attività prevalente di ricerca è stata quella della sintesi, dello studio e della sperimentazione di nuovi prodotti per la conservazione dei manufatti lapidei (Firenze e Milano), degli studi diagnostici sullo stato di conservazione dei monumenti (Milano), delle ricerche inerenti gli scavi archeologici (Roma). e degli studi sull’ambiente e del controllo ambientale (Roma). Gli ex Centri di studio sono divenuti oggi la Sede dell’Istituto (Firenze) e  le  Sezioni distaccate di Roma e di Milano.  

L’ICVBC, si è inserito con un proprio profilo distintivo nel panorama degli istituti italiani operanti nell’ambito dei Beni Culturali  al fine di evitare inutili duplicazioni o sterili sovrapposizioni e per sviluppare fin dall’inizio un’attività di integrazione con quelle delle altre realtà istituzionali nel settore: in questa propsettiva  ha  individuato una propria linea di caratterizzazione nel privilegiare l’aspetto della conservazione dei beni culturali (pur mantenendo la finalità della valorizzazione) e nell’affrontare tematiche di ricerca in prevalenza relative agli aspetti scientifico-tecnologici dei problemi conservativi e alla sintesi di prodotti per la protezione e conservazione dei Beni Culturali.

Oltre all’ ICVBC, gli altri 2 istituti del CNR nell’area dei beni culturali sono: l’ ITABC (Istituto per le  Tecnologie Applicate ai Beni Culturali dal 1998) con sede in Roma e l’ IBAM (Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali dal 2003) con sede a Lecce e due sezioni staccate a Potenza e a Catania.  (cit. dal web propr. e rielaborato dal cur. 13/5/09)

http://www.icvbc.cnr.it/

 

European Portal on Research Infrastructures Database

“E' stato lanciato lo European Portal on Research Infrastructures Database, un nuovo portale per le infrastrutture di ricerca (IR) a supporto dell'avanzamento tecnologico e conoscitivo dell'Europa. Le IR sono strutture e risorse utilizzate dalla comunità scientifica per condurre ricerche in tutti i campi della scienza, e stanno contribuendo alla creazione di un ambiente di ricerca europeo in cui tutti i ricercatori abbiano un accesso condiviso a strutture scientifiche uniche o distribuite. Le IR sono importantissime per attrarre i migliori ricercatori del mondo e per costituire importanti legami tra le diverse comunità di ricerca nazionali nonché tra le varie discipline.

Con l’obiettivo di accrescere il loro profilo, la Commissione Europea ha promosso e creato questo portale, progettato per essere di utilità non solo ai membri della comunità scientifica (specie ricercatori e scienziati alla ricerca dei servizi offerti dalle IR) ma anche ai policy-maker. Obiettivo del portale è quello di informazioni sulle principali strutture di ricerca europee, in base alla disciplina, al Paese o al tipo di struttura. Lo European Portal on Research Infrastructures Database contribuirà, inoltre, ad aumentare la consapevolezza sulle IR.

Il portale include anche liste dei network di IR, i quali sono suddivisi in base all'ambito scientifico.”  (cit. da:  Karma.pa  13/5/09)

http://www.riportal.eu/public/index.cfm?fuseaction=ri.search

 

EDA  -  Glossario dell’educazione degli adulti

L’ educazione degli adulti si  sta evolvendo in modo molto rapido, coinvolgendo anche il linguaggio che la riguarda. Ciò produce il sovrapporsi di significati nuovi ed accezioni precedenti, e di nuovi significanti ancora instabili: il tutto  associato all'emergere di nuovi problemi o di nuove conformazioni di problemi già noti. La rapidità di questa evoluzione conferisce al linguaggio educativo un livello elevato di ambiguità, variamente collegabile ai differenti quadri interpretativi e a riferimenti obiettivi disponibili.

Questo glossario vuole essere uno strumento di lavoro a disposizione di tutti i soggetti che operano nell’ ambito dell’ istruzione permanente e della formazione degli adulti  (lifelong learning). Attualmente contiene 260 lemmi riguardanti le discipline socio educative, la normativa nazionale ed europea, le prassi diffuse nei sistemi di istruzione formazione e lavoro. Il glossario presenta vere e proprie voci di dizionario  ciascuna dotata di una scheda per ciascun lemma. Ogni scheda è costituita di 14 campi che hanno diversa importanza e funzione: alcuni dei campi di questa scheda sono fondamentali, obbligatoriamente riempiti visualizzati in versione “compatta” (es. il campo lemma o il campo definizione), altri lo sono solo facoltativamente visualizzati in versione “estesa”(es. il campo contesti d’uso o il campo polirematiche)..

Lo strumento, in continuo aggiornamento, è a cura di: MIUR,  Isfol (Istituto per lo Sviluppo della Formazione Professionale dei Lavoratori), Ministero del lavoro, Invalsi  (Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione). (visto il 18/5/09)

http://glossario.invalsi.it/asp/home.asp

 

ARTICOLI  -  SEGNALAZIONI  -  RECENSIONI

Humanae Litterae & New Technologies

Sintesi della giornata di studio - Milano 14 maggio 2009  

Archivi, biblioteche, musei ai tempi del web 2.0: esperienze a confronto

Sintesi dell’ incontro al Festival della Scienza, Genova 28 ottobre 2008

Pubblicazioni scientifiche, diritto d’autore e Open Access

Sintesi del convegno  - Trento, 20 giugno 2008

 


 

inizio

 

 

 

 

 

 

STRUMENTI, TECNICHE E SUGGERIMENTI PER LA RICERCA

 

 

 

Wolfram Alpha

E’ entrato in funzione il nuovo motore di ricerca preannunciato da tempo. Le informazioni parlavano di uno strumento del tutto nuovo anche sul piano della ricerca semantica e in linguaggio naturale. Per il momento le aspettative, sotto questo aspetto, sono deludenti e bisognerà aspettarne gli sviluppi. Da monitorare.

Diverso è il discorso  per le funzioni computazionali : ricerche e richieste di tipo matematico et similia forniscono risposte precise ed altamente pertinenti.

Fornisce anche rinvii a Google o a Wikipedia. Del resto, da informazioni provenienti da ambienti che si occupano del mendo degli strumenti di ricerca in internet, pare che Wolfram Alpha e Google in futuro saranno implementati. Vedremo. Per chi volesse approfondire suggerisco questo articolo  L'alba di Wolfram Alpha” e i link al suo interno suggeriti.

Linguaggio, per ora, solo in inglese.

http://www.wolframalpha.com/

 

Evri

Nuovo motore di ricerca relazionale in versione beta: specializzato in persone fisiche, persone giuridiche, luoghi geografici, organizzazioni. La ricerca può avvenire inserendo i termini nella stringa  search”  oppure puntando le categorie con la funzione “browse”. Tra i risultati vengono poste in evidenza le relazioni più recenti. Volendo si può scaricare una toolbar.

http://www.evri.com/

inizio

 

 

***************************
A cura di   Carlo Favale
Internet per gli Umanisti   http://portale.unitn.it/biblio/lett/iu.htm
 

 

Nota:
1-Il presente notiziario ha lo scopo di fornire indicazioni  per la ricerca online in ambito di discipline umanistiche e di strumenti utili per la medesima. Il sito è costruito in base agli interessi culturali gravitanti intorno alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Trento, tenendo tuttavia presenti  anche ambiti più ampi e generali

2-È tassativamente esclusa qualsiasi intenzione di pubblicità palese od occulta: l'indicazione di eventuali siti commerciali tiene conto unicamente dei contenuti atti a soddisfare il punto precedente senza alcun riferimento alla parte commerciale dei siti in oggetto.

 

 

 



 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
   
 ciau Sa'!

;-)))