Università degli Studi

di Trento

Sistema Bibliotecario di Ateneo

Polo umanistico-letterario

 

 

 

RES  NOVAS

2/2009  (XCV)

Notiziario (saltuario) di umanesimo digitale

 

 

 

 

 

 

Siti e progetti di interesse umanistico
Informazioni ed utilità umanistiche 
Strumenti, tecniche e suggerimenti per la ricerca

Per ricevere il notiziario in posta elettronica scrivere al curatore inviando il proprio indirizzo email

 

 

 

 

 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
°°°°°°°°°°°°


 
  

 

 

 

 

 

 

 

 

SITI E PROGETTI DI INTERESSE UMANISTICO

 

 

 

 

SLAVISTIK-PORTAL

“Slavistik-Portal" is a gateway to a broad array of electronic resources in Slavonic, East European and Russian studies maintained by the Staatsbibliothek zu Berlin Preussischer Kulturbesitz (the Eastern Europe Department of the Staatsbibliothek...The portal hosts several search engines, online library catalogues, collections of e-resources in the particular area of interest of Slavistics and East European studies. Various searching and browsing options are offered: search for specialised websites; bibliographic searches in online library catalogues; or search through the databases of online dissertations...The site offers an online tutorial for Slavistics developed by the University of Bochum and its library. This is a valuable research tool for anyone interested in the Slavonic, Russian and East European studies, since it brings together the most comprehensive online resources, digital library content and databases dealing with these topics.”  (cit. da Intute  19/2/09)

http://www.slavistik-portal.de/en.html

 

SOPHIE  -  Digital library of works by German speaking women

“This site is maintained by project by the Brigham Young University. It provides free access to a collection of texts, articles and writings by early German-Speaking women 1740-1923. They include examples of women's literature, journalism, travel literature and accounts of life in German empire and colonies. The materials offer a fascinating insight into the social history and role of German women during this time. They would also be of value for researchers of the history of colonialism. The site also includes teacher's notes, bibliographies, an image gallery and suggestions for further readings. Many of the articles are offered in German only.”  (cit. da Intute  19/2/09)

http://sophie.byu.edu/

 

UNESCO  -  Safeguarding endangered languages

“Half of the 6,700 languages spoken today are in danger of disappearing before the century ends, a process that can be slowed only if urgent action is taken by governments and speaker communities. UNESCO’s Endangered Languages Programme mobilizes international cooperation to focus attention on this grave situation and to promote innovative solutions from communities, experts and authorities.

Languages are humankind’s principle tools for interacting and for expressing ideas, emotions, knowledge, memories and values. Languages are also primary vehicles of cultural expressions and intangible cultural heritage, essential to the identity of individuals and groups. Safeguarding endangered languages is thus a crucial task in maintaining cultural diversity worldwide. UNESCO’s flagship activity in safeguarding endangered languages is the Atlas of the World’s Languages in Danger, with an interactive online resource now complementing its third print edition (in press). The online Atlas, freely available, aims to provide speaker communities, policy-makers and the general public with state-of-the-art knowledge, continually updated by a growing network of experts and community members.”  (cit dal web proprietario: 2/3/09)

http://www.unesco.org/culture/ich/index.php?pg=00136

 

LAEME  -  Linguistic Atlas of Early Middle English

“This is the first publication of the first phase of LAEME, in the form of an interactive website. LAEME aims to present information about the variation in space and time of linguistic forms found in early Middle English texts. We take early Middle English to cover the period ca. 1150-1325. LAEME is a phased publication and not all its facilities are yet complete and active. This version, 1.1, is described below with indications of what is to follow.

LAEME is a ‘daughter’ atlas of A Linguistic Atlas of Late Mediaeval English, 1350-1450 (LALME), ed. Angus McIntosh, M.L. Samuels and Michael Benskin (Aberdeen: Aberdeen University Press; Edinburgh: Mercat Press) and deals with the period of written English immediately preceding that of LALME. The other ‘daughter’ of LALME and companion web-site to this one is A Linguistic Atlas of Older Scots, v. 1.1 (LAOS), which deals with variation in written Older Scots. Currently in preparation at the Insitute for Historical Dialectology, is a major revision of LALME, to be published also as a website. What does LAEME contain?

• A theoretical and methodological Introduction, defining the contents of LAEME, outlining our procedures and theoretical orientation, and defining the contents of the LAEME Corpus of Tagged Texts (CTT) and the various sub-corpora within the atlas

• the LAEME corpus of lexico-grammatically tagged texts in searchable form in a database

• a searchable database (Index of Sources) containing information about the texts in the LAEME CTT

• a set of Tasks which allow you to search the databases

• a Manual which explains the operation of the software driving LAEME, with instructions on how to access parts of the corpus, extract forms and identify their manuscript sources, perform concordancing and dictionary-making operations and construct maps

• a Corpus of Etymologies (CE), which provides a narrative etymology (see Introduction chapter 8) for every form type in the LAEME CTT, and a Corpus of Changes, which explicates the phonological and morphological changes invoked in the CE.” (cit dal web proprietario: 2/3/09)

http://www.lel.ed.ac.uk/ihd/laeme1/laeme1.html

 

CEHC  -  Coordinación de la Edición de Hagiografía Castellana

“El proyecto de Coordinación de la Edición de Hagiografía Castellana (CEHC) nació para poner en contacto a los investigadores que trabajamos en la edición y estudio de la hagiografía castellana de la Edad Media y Siglo de Oro…Las vidas de santos fueron una de las lecturas favoritas en aquellos tiempos. Sin embargo, los conocimientos que hasta ahora tenemos de ellas se basan en los pocos textos que se han editado y en noticias indirectas. Ahora que crece la dedicación de los investigadores a las leyendas de santos, urge elaborar un censo de ese patrimonio inédito y coordinar su edición, que está iniciándose en diversos países. De este modo ese trabajo avanzaría con eficacia y pondría a disposición de la comunidad científica y de los lectores interesados esos antiguos relatos castellanos hasta ahora inaccesibles. El objetivo principal sería, entonces, contribuir a la elaboración de ediciones rigurosas de textos inéditos, acompañadas de estudios preliminares competentes. Para el logro de esa deseable coordinación, además de la realización de ese censo del patrimonio hagiográfico inédito, aspiramos a establecer unos criterios de edición y difundir todo ello en publicaciones internacionales y en Internet, de lo cual este sitio web es sólo un avance.” (cit dal web proprietario: 2/3/09)  

http://www.uniovi.es/CEHC/entrada.htm

 

AUSTRIAN GERMAN

"Austrian German" is a website that brings together information on the variant of German spoken in Austria. The site provides a detailed bibliography of works covering aspects such as: grammar; phraseology; the influence of neighbouring languages; dictionaries; expressions; syntax; and school books. Information is also given on areas including: new relevant publications; current projects; resolutions concerning the language; and research institutes and individual researchers working on the subject. A brief look at the new spelling reform is available. There is also a selection of texts written in Austrian German for users to consult. This resource is of use to anyone working on or learning Austrian German.”  (cit. da Intute  2/32/09)

http://www-oedt.uni-graz.at/

 

DRW  -  Deutsches Rechtswörterbuch

“This website makes available online the Deutsches Rechtswörterbuch (DRW), a dictionary of old legal German. The historical dictionary includes words up until 1800. The dictionary was compiled over several decades from a corpus of some two million texts. A brief history of the DRW and its development is given, as well as a selection of comments on its usefulness by leading German figures. Details on how to use the dictionary are provided. The dictionary contains many non-legal terms as well, and will therefore also interest specialists of old German in general, as well as historians of German law and bureaucracy in particular. The website is hosted by the University of Heidelberg.”  (cit. da Intute  2/3/09)

http://drw-www.adw.uni-heidelberg.de/drw/

 

CESG  -  Codices Electronici Sangallenses

“La biblioteca dell'Abbazia di San Gallo, con i suoi 2100 manoscritti, é tra la più vecchie e significative biblioteche di manoscritti nel mondo. Metà dei manoscritti, o codici, furono prodotti nel medioevo e circa 400 volumi realizzati prima dell'anno 1000 d. C. Nel 1983 l'insieme del complesso abbaziale è stato riconosciuto Patrimonio mondiale dall'UNESCO.

Attualmente, il CESG costituisce uno dei componenti di un più ampio e successivo progetto, e-codices: La biblioteca virtuale dei manoscritti della Svizzera (www.e-codices.unifr.ch). L'attuale fase del progetto, intitolata "La biblioteca virtuale dell'Abbazia di San Gallo" è finanziata dalla Andrew W. Mellon Foundation di New York. Lo scopo primario di questa fase del progetto è la completa digitalizzazione e indicizzazione, per la fine del 2009, di tutti i 355 manoscritti in possesso alla biblioteca dell'Abbazia di San Gallo, realizzati prima dell'anno 1000 a.C.” (cit dal web proprietario: 2/3/09)  

Alla fine del 2008 erano 251.

http://www.cesg.unifr.ch/it/index.htm

 

BAYERISCHE  STAATSBIBLIOTHEK  -  Manoscritti microfilmati

“Sono disponibili on line gli elenchi dei manoscritti microfilmati posseduti dalla Bayerische Staatsblibliothek di Monaco di Baviera. Le liste sono in formato pdf e sono scaricabili dal sito della BSB.  I manoscritti di cui esistono i microfilm appartengono ai gruppi:

 1- Clm (Codices latini monacenses)

 2- Cgm (Codices germanici monacenses)

 3- Cod.graec. (Codices graeci)

 4- Cod.icon. (Codices iconographici)

 5- altri manoscritti in lingue europee (Cod.angl., Cod.gall., Cod.hip., Cod.hung., Cod.ital., Cod.raetoroman., Cod.slav.), manoscritti orientali ed asiatici (Cod.aethiop., Cod.arab., Cod.armen., Cod.Batak, Cod.beng., Cod.birm., Cod.copt., Cod.cor., Cod.curd., Cod.hebr., Cod.hind., Cod.jap., Cod.jav., Cod.kamb., Cod.malai., Cod.ma.ai., Cod.Mandschu., Cod.nepal., Cod.Oriya, Cod.or.polygl., Cod.panj., Cod.pers., Cod.sanscr., Cod.sin., Cod.singh., Cod.syr., Cod.tibet.,  Cod.turc., Cod.Zend.);

 6- Cbm Cat., Cod.sim. (rispettivamente Cataloghi manoscritti e riproduzioni di codici/Codices simulati);

 7- lasciti”  (fonte:  Dr. Claudia Fabian , BSB, Sezione Manoscritti e Rari, 3/3/09)

http://www.bsb-muenchen.de/212.0.html

 

 

 


NOVITÀ nella Rassegna degli strumenti informatici per lo studio dell’antichità classica
Aggiornamento al 19 gennaio 2007
NOVITÀ in  Reti Medievali
Aggiornamento  al  30 aprile 2008
Presentazione di Reti Medievali in Power Point (aggiornamento: aprile 2004)

NOVITÀ in  Italianistica Online
Aggiornamento al  10 gennaio 2009

NOVITÀ nella Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
Aggiornamento al  29 gennaio 2009

NOVITÀ in  SWIF - Sito Web Italiano per la Filosofia
Progetto terminato nel 2008: il sito contiene l' archivio dal 1995

NOVITÀ in  Philosophia Medii Aevi   
Aggiornamento  al  22 febbraio 2009


 

inizio


 
 

°°°°°°°°°°°°
°°°°°

 

 

 

 

 

INFORMAZIONI ED UTILITÀ UMANISTICHE

 

 

 

Didaskalia  -  Ancient theatre today 

“'Didaskalia… is a…web resource that combines an online full-text journal with short introductory essays. There are also listings and links to ancient theatre resources online. The online journal, published sporadically since 1994, covers modern performances of Greek and Roman music, drama and dance. At September 2008 there are 21 issues available online. Each issue carries a mixture of features, performance and book reviews. Themes have included: Masks; Tantalus; Electra; crossing the ancient stage; Homeric epic; contemporary research trends and electronic initiatives in ancient theatre studies. Contributors to the journal have included scholars and theatre professionals. This is a useful resource for anyone interested in ancient theatre in general or in its modern performance and reception in particular.”  (cit. da Intute  19/2/09)

http://www.didaskalia.net/

 

Bibliotheca Europeana  -  Tutta la cultura europea in una biblioteca 2.0

“Da qualche mese ormai si parla di Europeana, forse più per i suoi "singhiozzi" che per i contenuti. Come ogni buon servizio del web di seconda genearazione è in versione beta, e in effetti ha avuto qualche problema di hardware (da potenziare) che ha provocato alcune discusse interruzioni del servizio. Ma adesso che la Bibliotheca Europeana (questo è il nome intero del progetto, cofinanziato dall'Unione Europea) sembra essersi stabilizzata possiamo concentrarci sui contenuti, piuttosto interessanti. Europeana vuole essere molto di più di una biblioteca digitale, bensì un vero e proprio portale di accesso alla cultura europea, come si può capire dal filmato del progetto: europeana.eu.

Europeana è insomma la biblioteca delle biblioteche, ed è impressionante il numero di partner e di istituti che hanno contribuito al progetto. L'intera lista è accessibile da qui. Il progetto inoltre è veramente in versione beta, non solo da un punto di vista tecnico: il suo completamento è infatti previsto per il 2010 ed entro quella data gli oggetti digitalizzati saranno almeno sei milioni, mentre al momento ci dobbiamo accontentare di più di due milioni.

E tutti questi oggetti, una volta registrati al sito (quando sarà possibile registrarsi), li possiamo salvare, taggare, condividere con amici, salvare ricerche effettuate... per non perdersi tra milioni di oggetti digitali. L'esplorazione delle risorse può essere effettuata tramite un "tradizionale" motore di ricerca, ma anche per mezzo della Timeline : basta indicare un anno per poter navigare tra gli oggetti riconducibili ad un certo anno (c'è anche il 1500!).

Ma che cosa possiamo trovare in Europeana? Tanta cultura europea, digitalizzata, in più formati: testuale (libri, lettere, giornali, manoscritti, ecc), immagini (fotografie, dipinti, immagini di oggetti museali, ecc) audio e video (musica proveniente da dischi, cassette, persino da cilindri; e poi interviste, filmati, ecc). Insomma, un intero,vasto patrimonio reso disponibile e con un unico punto di accesso”.  (fonte: Blogosfere.it  26/2/09)      

http://www.europeana.eu/

 

European Library  -  Nuovo sito

“L’European Library che dà accesso liberamente alle risorse informative [ libri, manifesti, video, mappe, ecc.], sia digitali sia bibliografiche, di 37 delle 48 biblioteche nazionali in Europa in 22 lingue ha annunciato il rilascio di un nuovo sito. Le nuove funzionalità sono state aggiunte in seguito a sondaggi effettuati sugli utenti. Una delle funzionalità piu’ richieste è la ricerca multilingue. Oggi infatti sono ricercabili in 22 lingue le oltre 300 collezioni presenti nelle varie biblioteche nazionali.

Il portale inoltre si è arricchito di funzionalità del Web 2.0, ha curato molto anche la parte multimediale, raccogliendo i vari video prodotti dalle biblioteche nazionali disponibili su YouTube accessibili tramite   iEuropean Library Channel on you tube, ma anche creando una sezione sulle mostre on line. Attualmente vi è una mostra on line sulle guerre napoleoniche in occasione del bicentenario delle campagne napoleoniche e altro ancora!”  (cit. da: Ciber  3/3/09)

http://www.theeuropeanlibrary.org

 

IPH  -  International Paper Historians

“The IPH integrates professionals of different branches and all friends of paper within the field of paper history. It coordinates all interests and activities in paper history as an international specialist association co-operating with international, regional and local organisations not only of paper historians but also of keepers of archives and libraries, conservators, arthistorians, specialists in books, printing and technology, associations of the paper industry, the publishing trade etc., including handicraft and artistic activities in connection with paper.

To reach these goals, IPH provides the necessary means.” (cit dal web proprietario: 2/3/09)

Anche in tedesco e in francese.

http://www.paperhistory.org/

 

Atlas of Early Printing

“The Atlas of Early Printing is an interactive site designed to be used as a tool for teaching the early history of printing in Europe during the second half of the fifteenth century. While printing in Asia pre-dates European activity by several hundred years, the rapid expansion of the trade following the discovery of printing in Mainz, Germany around the middle of the fifteenth century is a topic of great importance to the history of European civilization. This website uses Flash to depict the spread of European printing in a manner that allows a user to control dates and other variables.” (cit dal web proprietario: 2/3/09)

http://atlas.lib.uiowa.edu/

 

Vocabulaire Codicologique   -  Répertoire méthodique des termes français relatifs aux manuscrits avec leurs équivalents en anglais, italien, espagnol

“Vocabulaire Codicologique is the first hypertext edition (2002-2003) of Denis Muzerelle's "Vocabulaire Codicologique: répertoire méthodique des termes français relatifs aux manuscrits" (Paris, 1985). It is a multilingual thesaurus of specialist terms used for the study of how medieval manuscript books and documents are made. The online edition includes an Italian and a Spanish versions based on books published in 1996 by Marilena Maniaci and 1997 by Pilar Ostos Salcedo respectively. There is currently only a draft English version, and more work is being planned in this area following a three day colloquium entitled "An English Codicological Vocabulary" at the Institute of English Studies, University of London, 8-10 July 2004. ”  (cit. da Intute  19/2/09)

http://vocabulaire.irht.cnrs.fr/vocab.htm

 

Philosophia Medii Aevi   

“Sito dedicato agli studi di storia della filosofia e della cultura medievali: Istituzioni  (principali centri e istituti, società e accademie di interesse medievistico e una sezione dedicata ai dottorati di ricerca e alle scuole di specializzazione);  Studi e ricerche  (principali siti web dedicati alle attività di ricerca…ai filosofi e alle correnti filosofiche medievali…riviste del settore aventi una versione elettronica o una pagina web…);  Studiosi del pensiero medievale (studiosi italiani di storia della filosofia medievale e di settori affini, con link ad altre rubriche di studiosi stranieri);  Pubblicazioni recenti sulla filosofia medievale;  ConvegniStrumenti (link a biblioteche, cataloghi di manoscritti, guide web al medioevo, case editrici, repertori e enciclopedie, e bibliografie).” (cit dal web proprietario: 2/3/09)

http://islab.dico.unimi.it/phmae/

 

Principi di catalogazione internazionali dell'IFLA

Si è concluso il percorso dell'IFLA Meeting of Experts on an International Cataloguing Code (IME ICC), iniziato a Francoforte sul Meno nel 2003 e proseguito negli anni successivi in vari incontri internazionali; suo scopo era la  definizione di nuovi Principi di catalogazione internazionali (ICP).  I principi sono ora pubblicati in numerose traduzioni, fra cui quella italiana curata dall' ICCU.

 I nuovi principi sostituiscono i Principi di Parigi del 1961, che restano tuttavia un punto di riferimento imprescindibile per chiunque si occupi di catalogazione.  Essi recitano:

"Questa Dichiarazione sostituisce ed estende i Principi di Parigi dalle sole opere testuali a tutti i tipi di materiali e dalla sola scelta e forma della registrazione a tutti gli aspetti dei dati bibliografici e di autorità utilizzati nei cataloghi di biblioteca. Essa comprende non solo i principi e gli obiettivi (cioè le funzioni del catalogo), ma anche le regole guida che dovrebbero essere inserite nei codici di catalogazione di tutti i paesi e indicazioni sulle funzionalità di ricerca e recupero". (fonte:  Mauro Guerrini, presidente AIB - Associazione italiana biblioteche)

http://www.ifla.org/VII/s13/icp/

 

 

 

 


 
inizio

 

 

 

 

 

STRUMENTI, TECNICHE E SUGGERIMENTI PER LA RICERCA

 

 

 

Wikizionario

A Wikipedia si affianca Wikizionario: dizionario libero online. Fatte le dovute riserve sulla mancanza di una validazione scientifica, e quindi la necessità di adottare una sana prudenza nei riguardi delle informazioni ricevute, bisogna sottolineare l’ indubbia utilità  derivante dal fatto che ha un aggiornamento in tempo reale e, non avendo i limiti autoimposti dai dizionari tradizionali, vi si può trovare di tutto. Naturalmete, caratteristica dei siti “wiki”, chiunque può registrarsi per inserire nuovi lemmi o per correggere e/o integrare quelli esistenti.

Si può consultare scrivendo illemma che  interessa nell’ apposito riquadro di ricerca  a lato e premendo il pulsante “Vai”: se  è presente verrà puntato direttamente. In ogni caso si può usare il pulsante “Ricerca”: otterrai un elenco degli articoli in cui compare la parola che digitata. Oltre alla consultazione diretta, puoi navigare anche tramite l'indice generale. Attenzione: in Wikizionario sono significative le maiuscole/minuscole, per cui "sistema operativo" è diverso da "Sistema Operativo".

Al momento (21.2.09) sono presenti  98.665 lemmi di tutte le lingue e 41 file multimediali..

http://it.wiktionary.org/wiki/Pagina_principale


inizio

 

 

***************************
A cura di   Carlo Favale
Internet per gli Umanisti   http://portale.unitn.it/biblio/lett/iu.htm
 

 

Nota:
1-Il presente notiziario ha lo scopo di fornire indicazioni  per la ricerca online in ambito di discipline umanistiche e di strumenti utili per la medesima. Il sito è costruito in base agli interessi culturali gravitanti intorno alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Trento, tenendo tuttavia presenti  anche ambiti più ampi e generali

2-È tassativamente esclusa qualsiasi intenzione di pubblicità palese od occulta: l'indicazione di eventuali siti commerciali tiene conto unicamente dei contenuti atti a soddisfare il punto precedente senza alcun riferimento alla parte commerciale dei siti in oggetto.

 

 

 



 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
   
 ciau Sa'!

:-)))