Università degli Studi di Trento
Sistema Bibliotecario di Ateneo - Servizio Fac. di Lettere

RES NOVAS
 9/2004 (LXXVIII)
Notiziario (saltuario) di umanesimo digitale

-Siti di interesse umanistico
-Varia
-Info  (comprese: nuove accessioni)
-Risorse elettroniche  (cdrom e abbonamenti online)
-Arretrati

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
°°°°°°°°°°°°
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

SITI DI INTERESSE UMANISTICO



APIS - Advanced Papyrological Information System

http://www.columbia.edu/cu/lweb/projects/digital/apis/index.html

"Progetto di catalogazione elettronica della documentazione papiracea, frutto della collaborazione delle Università di Duke, Columbia, Princeton, Berkeley, Michigan, Yale e dell'Université Libre de Bruxelles. Le 6 istituzioni americane conservano le più importanti collezioni papiracee degli USA, per un totale di circa 45.000 documenti ed il progetto prevede un considerevole sforzo per la corretta conservazione e catalogazione di questi materiali, spesso trascurati. Tuttavia l'aspetto più affascinante del progetto è dato senza dubbio dalla creazione di un archivio della documentazione papiracea conservata nelle 6 collezioni statunitensi, consultabile via Internet, per la cui ricerca è possibile avvalersi di un alto numero di varianti e criteri. La bibliografia papirologica, ovvero la conversione per l'accesso via Internet dei documenti è stata curata dal Centre de Papyrologie et Épigraphie Grecque de l'Université Libre de Bruxelles; le correzioni e riedizioni dei documenti sono state effettuate secondo le indicazioni fornite dalla Berichtigungliste der griechischen Papyrusurkunden aus Ägypten.
L'interrogazione del database è facilitata grazie alle ricerche guidate, per soggetto, per tipo di documento, per materiale scrittorio utilizzato, per lingua.
La schermata dei risultati presenta in forma sintetica la collezione cui il documento appartiene, il riferimento all'edizione, il titolo, la datazione, l'autore e il numero di riferimento del progetto APIS. Cliccando sul link "View" che appare a fianco di ciascun documento, si perviene ad una scheda più dettagliata, nella quale si troverà anche un breve riassunto del testo, l'indicazione della lingua originale, una descrizione del suo aspetto esteriore ed, eventualmente, il rimando ad altre informazioni e alle immagini del documento conservate nei siti web dei centri che aderiscono al progetto. (recensione  di Livia Marchese in Webgrafia Arabistica)

-------------------------

BRITISH HISTORY ONLINE

http://www.british-history.ac.uk/

"Built by the Institute of Historical Research and the History of Parliament Trust, this is the digital library of British historical sources for historians of Britain located worldwide seeking access to, and cross-searching of, an interconnected range of historical sources. It provides a particular range and a unique configuration of historical sources whose availability and format will help to devise and develop new research strategies and methodologies....
-Centre for Metropolitan History
The Centre for Metropolitan History was founded in 1988 a research centre within the Institute of Historical Research in the University of London. It promotes study of the history of London as an example of the type of dominant city that we know as the metropolis. It has recently established a section specifically concerned with comparative metropolitan history...In the course of these research programmes the Centre has generated large quantities of data, much of it in electronic form, relating to the history of London from the eleventh to the twentieth century. The datasets contain, in all, more than 200,000 records, covering a wide range of periods and topics..
-History of Parliament Trust
The History of Parliament Trust is a major academic project to create a scholarly reference work describing the members, constituencies and activities of the Parliament of England and the United Kingdom.
-Victoria County History
The Victoria County History (VCH) is a unique, comprehensive, and authoritative work of English local history, arranged county by county, and based on rigorous original research. General volumes cover subjects such as the political, religious, economic, and educational history of each county as a whole, and topographical volumes contain detailed historical accounts of each town, village, and parish, arranged in a consistent format. To date about 230 volumes have been published; some county sets are complete, while others have only one or two volumes so far published.
-Administrative history
Resources from The National Archives and the Institute of Historical Research
-Ecclesiastical history
Resources from the Institute of Historical Research. (cit. liberamente dal web propr. 6/12/04)

-------------------------

AREA - Archives of European Archaeology

http://www.area-archives.org/

"È una rete di ricerca dedicata alla storia dell’archeologia, con particolare attenzione agli archivi di questa disciplina, alla loro valorizzazione e conservazione. Le principali finalità sono:
• incoraggiare la ricerca della storia dell’archeologia
• studiare, catalogare e garantire la conservazione dei principali archivi che vertono sull’eredità della disciplina
• indagare le interrelazioni tra lo sviluppo dell’archeologia e la formazione di identità culturali e politiche...
...Sono stati pianificati diversi importanti sviluppi della struttura e della facilità d’impiego dei database dei fondi degli archivi archeologici AREA, come anche la creazione di un database bibliografico/iconografico per le fonti primarie della storia e dell’archeologia. Il sito web AREA creerà e ospiterà le numerose mostre virtuali sulla storia e le politiche dell’archeologia. Possono essere versioni di mostre che hanno luogo attualmente nei musei o nelle gallerie, o combinazioni di immagini e di testi, realizzati ad hoc." (cit. dal web propr. 10/12/04)

-------------------------

CESAR - Calendrier électronique des spectacles sous l'ancien régime

http://www.cesar.org.uk/cesar2/

"CESAR est une base de données électronique dynamique, qui contient des renseignements sur les pièces, leurs représentations et les personnes engagées dans leur production, bref, tout ce qui a constitué le théâtre en France entre 1600 et 1800. L'intention est d'inclure tous les spectacles (comédies, tragédies, opéras, ballets, feux d'artifice, opéras-comiques, amusements de la Foire) qui ont été joués, édités, ou simplement mentionnés dans les publications de l'époque.
...Les données tablées sont complémentées par d'autres éléments contemporains, en particulier la reproduction complète de livres de recherche comme ceux des Frères Parfaict, Léris et Beauchamps. Nous ajouterons éventuellement d'autres sections, contenant des procès-verbaux, des images, des traités, etc.
...La base de données fut d'abord conçue comme la fusion de ressources électroniques créées par trois chercheurs indépendants. Depuis, un nombre appréciable de spécialistes du théâtre ont offert leur travail pour aider à consolider et rectifier CESAR en contribuant des données, notes et corrections...CESAR est international : des utilisateurs de trente pays différents se sont déjà enregistrés.
...La première phase dans l'évolution de CESAR (2001-2004) était financée par le Arts and Humanities Research Board en Grande Bretagne, par une bourse du 'Resource Enhancement Scheme' sous le titre : 'The CESAR Project' hébergé à l'université d'Oxford Brookes, rassemblant une équipe de chercheurs et de techniciens sous la direction de Barry Russell. Le projet a aussi reçu un soutien financier d'Oxford Brookes University, MIT, l'université de Toronto, et l'ambassade de France à Washington DC." (cit. dal web propr. 15/12/04)
La base dati contiene le sezioni: Personnes, Troupes, Lieux, Titres, Représentations, Editions, Editeurs, Bibliothèques, Livres, Colloques, Références.

-------------------------

ARCHIVIO FILOLOGICO PER LA MEDICINA ANTICA (AFMA)

http://www.afma-medicinaantica.it/home.htm

"AFMA raccoglie i contributi testuali relativi a testi di medicina antica nella loro tradizione diretta e indiretta (greca, latina, araba, ecc.). L'Archivio si propone di documentare i progressi nel campo della critica testuale dei medici antichi, di aggiornare i dati forniti dalle edizioni esistenti e di favorire il lavoro in vista di nuove edizioni.
Le singole schede registrano gli interventi testuali che non sono già inclusi nelle edizioni critiche e nelle raccolte di frammenti dei medici antichi. Il materiale viene raccolto da articoli di rivista, saggi, atti di convegni specialistici, studi di carattere linguistico. Si registrano anche proposte inedite, frutto della ricerca dei collaboratori. Lo scopo è quello di favorire la comunicazione e la discussioni fra filologi interessati allo studio dei testi di medicina antica.. Per questo si dà la possibilità di interazione fra utenti e produttori di questo archivio, attraverso la posta elettronica.
L'Archivio parte dalla schedatura della documentazione più recente e cerca di recuperare procedendo a ritroso i contributi filologici degli anni precedenti." (cit. dal web propr. 16/12/04)

-------------------------

PROGETTO  TELEMACO / TELEMACHOS

http://www.telemaco.unibo.it/telemaco/home.htm

Il progetto TELEMACO / TELEMACHOS (i due acronimi stanno rispettivamente perTeledidattica e Multimedialità per le Antichità Classiche ed Orientali /Teledidaktik und Multimediaverwendung auf dem Gebiet des klassischen Altertums, desfrühen Christentums, des Alten Orients und der Spätantike), un'azionecongiunta dell'Università di Bologna e dell'Universität Erlangen -Nürnberg coordinata da Carla Salvaterra, che ha ottenuto un finanziamento da partedell'Unione Europea per il periodo 1 settembre 1998 - 30 agosto 1999.
Scopo primario del progetto TELEMACO / TELEMACHOS è quello di offrire un quadro completo ed aggiornato dei prodotti multimediali per la formazione nell'ambito delle antichità classiche ed orientali, sia editi su CD-ROM, sia diffusi attraversoInternet, elaborati negli stati che fanno parte dell'Unione Europea. Ci pare infatti chel'uso delle numerose risorse approntate nel nostro ambito di studi negli ultimi anni, puravendo potenzialmente un forte impatto nello sviluppo delle nuove strategie delladidattica, sia stato tuttavia penalizzato dalla mancanza di efficaci forme dicoordinamento e di informazione. La produzione in Italia e nei paesi dell'Unione Europeane ha risentito in modo particolare, trovando spesso l'unico punto di riferimento inmodelli nord americani, certamente apprezzabili, che ma che, come abbiamo piùrilevato, non sono in grado di rispondere compiutamente alla ricchezza e allavarietà di approcci culturali del Vecchio Continente.
L'attività principale del progetto consiste nella preparazione di unbanca dati dei prodotti multimediali per la didattica del mondo antico, ospitata nella sezione Database...
In dettaglio le schede comprendono il titolo del prodotto ed il nome del suo curatore, l'indirizzo Internet della risorsa, se questa è diffusa attraverso la Rete o se è disponibile una sua presentazione ufficiale, l'indicazione della lingua utilizzata, unadescrizione dei contenuti, comprendente anche una valutazione della sua utilità, il pubblico al quale la risorsa è indirizzata (scuola secondaria superiore,università educazione continuata), i requisiti hardware e software necessari per l'utilizzo della risorsa, eventualmente il costo, i nomi e gli indirizzi da contattare perordinare il prodotto, infine l'eventuale bibliografia, anche in formato elettronico, concernente la risorsa.
I risultati del progetto saranno diffusi attraverso due appositi siti Internet, uno a Bologna, l'altro ad Erlangen,rispettivamente in italiano ed in tedesco...:Parte integrante del progetto...un gruppo di discussione, la Telemaco List, esclusivamente dedicato ai nuovi strumenti informatici per la didattica del mondo antico. " (cit. dal web propr. 16/12/04)

-------------------------

ARISTARCHUS

http://www.aristarchus.unige.it/

"Aristarchus (dal nome dell'erudito Aristarco di Samotracia, da non confondersi con l'astronomo Aristarco di Samo) e' un contenitore che raggruppa strumenti di lavoro nell'ambito degli studi sul mondo antico greco e latino:

 -  Il Lessico dei Grammatici Greci Antichi (LGGA) costituisce uno strumento di consultazione per la storia della filologia, della grammatica e dell'erudizione antiche ed è realizzato presso il Dipartimento di Archeologia e Filologia Classica (D.AR.FI.CL.ET.) dell'Università di Genova. Contiene schede relative a personaggi in vario modo rilevanti per la ricerca erudita e filologico-grammaticale nel mondo antico, alcune delle quali scaricabili in formato pdf, altre richiedibili per e-mail in forma provvisoria.
 -  L'archivio Poorly Attested Words in Ancient Greek (PAWAG) è un supplemento in progress dei dizionari di Greco antico, costantemente sviluppato da un gruppo internazionale di studiosi, allo scopo di realizzare un database di parole attestate raramente, inadeguatamente, o in ogni caso problematiche dal punto di vista sia formale che semantico. Vengono registrate anche correzioni e progressi rilevanti in relazione al contenuto dei dizionari LSJ e GI. È prodotto in collaborazione dal Dipartimento di Archeologia e Filologia Classica (D.AR.FI.CL.ET.) dell'Università di Genova e da Loescher Editore.
 -  Il Catalogus Philologorum Classicorum (CPhCl) e' un lessico enciclopedico biografico degli studiosi del mondo classico attivi nel periodo 1880 - 1980, realizzato dal Dipartimento di Filologia Classica dell'Università di Pisa e dal Dipartimento di Archeologia e Filologia Classica (D.AR.FI.CL.ET.) dell'Università di Genova.
 -  Il Centro Italiano dell'Année Philologique (CIAPh) di Genova è la sede in Italia dell'Année Philologique, la bibliografia sistematica di riferimento per tutti gli studiosi dell'antichità greca e latina. Fondata a Parigi nel 1928, l'Année Philologique si basa su una rete internazionale, che collega alla direzione di Parigi i centri di Genova per l'Italia, di Cincinnati per gli USA e la Gran Bretagna, di Heidelberg per la Germania e l'Austria, di Granada per la Spagna, allo scopo di produrre un volume annuale e un data base disponibile on line.
 -  MEDIACLASSICA e' un sito per la didattica delle lingue antiche greca e latina, realizzato da Loescher Editore in collaborazione con il Dipartimento di Archeologia e Filologia Classica (D.AR.FI.CL.ET.) dell'Università di Genova.
 - Il sito Scholia minora in Homerum comprende le fotografie e le edizioni dei papiri che contengono i cosiddetti scholia minora all'Iliade e all'Odissea." (cit. dal web propr. 16/12/04)

-------------------------

IL SOGNO RACCONTATO NELLA LETTERATURA MODERNA

http://www3.unibo.it/sogno/

"La ricerca ha come scopo centrale quello di analizzare il sogno come microtesto narrativo nel romanzo europeo dell'epoca moderna, con una particolare attenzione al momento di trasformazione dei parametri culturali ed epistemologici che, a cavallo tra Ottocento e Novecento, hanno introdotto nella nostra cultura una diversa concezione e una diversa interpretazione del sogno e allo stesso tempo hanno, probabilmente in non casuale coincidenza, trasformato in misura radicale i modi stessi di rappresentare e raccontare i personaggi, lo scorrere del tempo, i movimenti e le prospettive della coscienza. Per mettere in luce simili modificazioni sarà necessario procedere a uno spoglio sistematico e su scala molto ampia di romanzi e racconti che hanno visto la luce in quell'arco di tempo, inventariare situazioni, descrivere caratteri, istituire tipologie, distinguere tra sogni e visioni, tra sogni veri e propri e sogni ad occhi aperti, identificare e classificare quelli che si è soliti chiamare «segnali di soglia», definire costanti e variabili tematiche e stilistiche. Un primo risultato della ricerca sarà la costituzione di un grande corpus, su scala europea, dei testi narrativi che presentino al loro interno segmenti testuali, più o meno lunghi, contenenti la narrazione di sogni. Un secondo risultato sarà quello di elaborare una vera e propria "teoria" del sogno narrato, studiandone attentamente i meccanismi e i protocolli, e predisporre una griglia di interrogazione dei testi, che ne consenta una schedatura e una classificazione con criteri uniformi e ben definiti, applicabili allo stesso modo dalle diverse unità di ricerca." (cit. dal web propr. 17/12/04)

-------------------------

ARCHIVIO MONDIALE DELL'ARTE RUPESTRE (WARA)

http://www.rockart-ccsp.com/wara.it.html

"WARA fornisce una linea direttiva per classificare e identificare i principali tipi d'arte rupestre e la loro sintassi, ed anche i sistemi logici basilari d'associazione. Attraverso la ricerca, l'arte primordiale offre le chiavi fondamentali della semiotica e della psicologia di quel fenomeno mondiale che è l'arte... 40.000 anni di storia dell’Uomo attraverso le immagini da lui prodotte. Una fonte di conoscenza del Sé che è nascosta negli anfratti, nelle grotte, sulle montagne di oltre 160 paesi del mondo. L’arte preistorica ci riporta alle nostre origini. Possiamo rispecchiare noi stessi e riscoprire le nostre aspirazioni, paure e speranze.
Uomini a cavallo si lanciano in corsa, altri guidano un aratro. Imbarcazioni navigano sulla superficie della roccia, una donna saluta e un uomo prega. Comunicazioni di vita quotidiana e mitica, credenze e preoccupazioni che rivelano i processi umani fondamentali. Oltre venti milioni d’immagini che testimoniano creatività artistica e concettuale dell’intelletto umano sono tesori che ogni anno, a causa dell’azione umana e di fattori naturali, rischiano di essere persi per sempre.
Il progetto WARA (World Archives of Rock Art) nasce nel 1983 per salvaguardare queste espressioni dei nostri antenati. Con l’approvazione dell’UNESCO Emmanuel Anati, che in oltre quarant’anni ha raccolto un archivio mondiale sulle manifestazioni artistiche dei popoli senza scrittura, lo coordina a livello globale." (cit. dal web propr. 20/12/04)

-------------------------

BABYLONIAN CHRONICLES

http://www.livius.org/cg-cm/chronicles/chron00.html

"In queste pagine, parte del più vasto sito Livius. Articles on Ancient History, si presentano i testi delle cronache babilonesi relativi al periodo neobabilonese, achemenide ed ellenistico. Di particolare rilievo...la Cronaca di Alessandro, la Cronaca d'Arabia (riguardante i progetti di una spedizione in Arabia formulati da Alessandro durante gli ultimi mesi della sua vita), la Cronaca di Antioco e di Sin, la Cronaca di Esagila (relativa all'azione di Antioco I nei riguardi del tempio di Marduk in Babilonia), la Cronaca di Antioco I, la Battriana e l'India, la Cronaca degli ultimi anni di Seleuco, la Cronaca della comunità greca di Babilonia, che giustificano l'inserimento della risorsa nella sezione di Storia Greca.
Il sito web, a cura di Jona Lendering, rende conto delle ricerche condotte da Irving Finkel e Bert van der Spek su questi interessanti testi, spesso non molto conosciuti dagli storici del mondo classico; tali ricerche approderanno ad una nuova edizione delle cronache babilonesi, il cui titolo provvisorio è Babylonian Chronicles of the Hellenistic Period.
Per ciascuna cronaca è disponibile una introduzione, che riporta la bibliografia di riferimento sul testo, una buona immagine e la descrizione dell'aspetto fisico della tavoletta, una seconda pagina con il testo in lingua accadica e la traduzione in inglese e infine un commento. Per alcune delle cronache, accanto a questa edizione più completa, denominata Scholarly Edition, è possibile consultare una Reader's Edition, in cui si presenta il testo nella sola traduzione inglese e un commento semplificato." (cit. dalla Rassegna degli strumenti informatici per lo studio dell'antichità classica)

-------------------------
 
 
 
 
 
 
 
 
 

inizio
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
°°°°°°°°°°°°
 
 

VARIA

AGORACLASS - L'Agora des Classiques
"L'entreprise AgoraCLASS se veut un point de rencontre pour les philologues classiques et pour tous ceux qui se passionnent pour le monde, le savoir et la culture classiques. AgoraClass est ouvert à tous les intéressés sans distinction ou différenciation d'aucune sorte.
Ceux qui fréquenteront l'Agora de l'ère électronique y trouveront l'un des informations, l'autre des données textuelles; l'enseignant, des instruments de travail, des applications ou réalisations portant sur les études classiques; d'autres encore y rechercheront des sites Web, des projets scientifiques tournés vers internet, des liens culturels ou autres ayant trait à l'antiquité classique.
AgoraClass se veut un carrefour d'echanges où se pratiquent le courrier électronique, les listes de distribution, les forums de discussion, etc. etc.
C'est pourquoi AgoraClass vous offre du concret: un site Web, un forum de discussion, un portefeuille internet à la disposition des étudiants en langues et littératures classiques, un lieu de réflexion relativement à l'intégration des NTIC (Nouvelles Technologies de l'Information et de la Communication) dans les milieux enseignants, un ensemble de textes d'auteurs latins en versions électroniques tant latines que françaises; des outils lexicographiques divers, une bibliographie spécialisée ainsi qu'un fonds de revues dont les tables de matières ont été organisées en base de donnée interactive." (cit. dal web propr. 26/11/04)
http://agoraclass.fltr.ucl.ac.be/

GUIDANCE  FOR  ARCHAEOLOGICAL  CONSERVATION  PRACTICE
"Archaeological conservation is the means by which the true nature of an object is revealed and preserved. The true nature of an archaeological object includes evidence of the technology and materials used in its original construction and any subsequent pre-burial modifications, its usage, and the circumstances and nature of its burial environment. Repairs or alterations made subsequent to its excavation may also be significant to the object's history, in which case they too should be fully recorded and/or preserved. Decisions on appropriate action should be made in conjunction with other specialists, e.g. archaeologists, curators, fmds researchers - after careful examination and research.
In order not to change the true nature of the object, certain rules should be observed in its care and maintenance. Since it is the conservator who has the power to preserve or distort its true nature, the following describes the responsibility of the archaeological conservator to the object." (cit. dal web propr. 29/11/04)
Dall' Archaeology  Section dell' UKIC (United Kingdom Institute for Conservation of Historic and Artistic Works)
http://www.ukic.org.uk/gacp.html

ZARZUELA
"This site aims to provide a useful entry point into a world of lyric theatre which remains little known to many music lovers, especially outside the Hispanic world. Zarzuela is to Spain what Gilbert & Sullivan is to England, Offenbach to Paris, Operetta to Vienna, the musical to Broadway - and much more!
Looking for that elusive zarzuela CD, or for Videos, Scores, sheet music and performance details? Try the CD Magazine and Information sections. There are some useful links to potential sources in both sections.
You'll also find reference articles here on zarzuela history, composers, writers, a singers' gallery ... and of course pages devoted to some of the most famous zarzuelas themselves. Material is added on a regular basis, and any suggestion/source information is extremely welcome." (cit. dal web propr. 1/12/04)
http://www.zarzuela.net/index.htm

AODL - American Overseas Digital Library
Si tratta del catalogo collettivo del Council of American Overseas Research Centers (CAORC), centri di ricerca americani all'estero. Sono di istituti a carattere culturale umanistico: il contenuto del catalogo rispecchia per lo più questa caratteristica offrendo materiali di interesse storico, archeologico, letterario, filosofico e religioso etc. Gli istituti sono sparsi tra il Mediterraneo, Africa del nord, Medioriente, India e Sudest asiatico. Uno è in Messico.
È possibile fare la ricerca in diversi campi con operatori booleani oppure ricerca semplice o col puntatore di scorrimento (browse). Molto utile la possibilità di cliccare sui soggetti che compaiono nelle schede per poter accedere direttamente a materiali correlati con l'argomento cercato. Si possono spedire le ricerche per email.
http://www.aiys.org/aodl/index.php

ANCIENT GREEK MUSIC
Il prof. Stefan Hagel dell' Austrian Academy of Sciences ha realizzato un sito in cui è possibile ascoltare alcuni brani musicali ricavati dai pochissimi frammenti giunti fino a noi, che contengono qualche notazione musicale. I file sono riproducibili con real player o con MIDI.
Le edizioni di riferimento sono:
DAM  E. Pöhlmann, Denkmäler Altgriechischer Musik. Sammlung, Übertragung und Erläuterung aller Fragmente und Fälschungen, Nürnberg 1970
AGM  M. L. West, Ancient Greek Music, Oxford 1992
DAGM  E. Pöhlmann / M. L. West, Documents of Ancient Greek Music, Oxford 2001
http://www.oeaw.ac.at/kal/agm/

ANCIENT NEAR EAST.NET
"From prehistory to the end of Antiquity in the 7th century CE, embracing the diverse and exotic lands at the meeting point of three continents, the Ancient Near East (together with Egypt) occupies a vastly influential position in world archaeology and ancient history, art, culture and religion. Passionately dedicated to electronic resourcing and content provision, Ancient Near East .Net forms a dynamic portal site evolving gradually to help meet the diverse needs of the Ancient Near East research community (scholars and laypersons alike) for content, ideas, resources and information exchange." (cit. dal web propr. 3/12/04)
http://www.ancientneareast.net/

BALTASAR GRACIÀN
"Esta página pretende ser una pequeña contribución al mundo del gracianismo y un nexo de comunicación entre los ya numerosos gracianistas.Se ofrece bibliografía y otras informaciones sobre publicaciones, ediciones, tesis, congresos y reuniones de carácter científico y académico. También permite el enlace con otras páginas que circulan sobre Baltasar Gracián y sobre otros autores, materias y aspectos del Siglo de Oro." (cit. dal web propr. 5/12/04)
http://www.uv.es/BaltasarGracian/presentacion.htm

RAFAEL ALBERTI
"This Web site offers a chronology of Alberti's life and work, and a complete bibliography of his poetry, prose, drama, and children's writing. Listings of translations of his works into other languages are also provided. Alberti's paintings are discussed on the site, and an online exhibition offers a flavour of his style.
This site is published by the Fundación Rafael Alberti, based in Cádiz, Spain: details of the Fundación's library holdings, events and exhibitions are available on the site. Users may take a virtual tour of the Foundation, which includes audio commentary contextualizing Alberti's work. This commentary offers background information to, for example, the Spanish Civil War, and the Residencia de Estudiantes in Madrid, where members of the Generation of 1927. Recordings of Alberti reading some of his more famous poems are also available." (cit. da: Humbul  5/12/04)
http://www.rafaelalberti.es/

WELSH BIBLE 1588
"One of the treasures of the National Library of Wales, William Morgan's 1588 Welsh-language Bible has been digitised and made available online. This Web site explains the circumstances behind the translation and publication of the Bible, presents digitised images of each page, and provides a biography of its translator, Bishop William Morgan (Prys Morgan). The Bible itself is a folio volume and includes the apocrypha. It was intended for church use rather than private study. The site includes an English translation of the dedication to the Bible. The images of the Bible are large and may take some time to load over a slow Internet connection. The Bible may be browsed by book and chapter, but is not searchable. This is a well presented and informative resource that will be of interest to those studying the history of religion in Wales." (cit. da: Humbul  21/12/04)
http://www.llgc.org.uk/drych/drych_s076.htm

FEMINAE ROMANAE
"In all of Roman literature surviving the fall of its Empire, only six short poems from a woman named Sulpicia have come down to us that speak in a woman's authentic voice. Yet more has been learned of Roman women in the past thirty years than in centuries before. From the Empress to her freedwoman, the good wife to the prostitute, the midwife to the scholar, this site presents an introduction to the history of the women of ancient Rome...This site attempts to give a sense of context to the position of Roman women vis-à-vis other Mediterranean cultures of the time and to follow their transition towards increasing freedom and power as the Empire itself grew." (cit. dal web propr. 21/12/04)
http://dominae.fws1.com/
 

NOVITÀ nella Rassegna degli strumenti informatici per lo studio dell’antichità classica
Aggiornamento al 7 dicembre 2004

NOVITÀ in  Reti Medievali
Aggiornamento  al 19 dicembre 2004
Presentazione di Reti Medievali in Power Point (aggiornamento: aprile 2004)

NOVITÀ in  Italianistica Online
Aggiornamento al  1 dicembre 2004

NOVITÀ nella Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
Aggiornamento al 21 dicembre  2004

NOVITÀ in  SWIF - Sito Web Italiano per la Filosofia
Aggiornamento al 11 dicembre  2004
 

inizio

 
 

°°°°°°°°°°°°
°°°°°
 

INFO

Bibenligne
"Bibenligne raggruppa dei cataloghi di biblioteche on-line e dei centri di documentazione in Scienze Umane nell'ambito degli studi mediterranei, con la volontà di ritrovare i documenti primari. Soli i siti ad accesso libero sono segnalati. Il sito è in francese ma tutte le lingue del bacino mediterraneo sono presenti nei cataloghi (Rubrica : Bibliothèques numériques). Bibenligne è una banca dati realizzata da professionisti dell'informazione e da ricercatori in Scienze Umane, legata alle
discipline e alle ricerche della Maison Méditerranéenne des Sciences de l'Homme (Aix-en-Provence). (fonte: Véronique Ginouvès, Maison Méditerranéenne des Sciences de l'Homme)
http://bibenligne.mmsh.univ-aix.fr/

ACO*HUM - Advanced Computing in the Humanities
"Advanced Computing in the Humanities (ACO*HUM) is one of twenty-eight networks started in 1996. The theme of our network has been the increasing use of advanced computing in teaching and learning in the humanities, with its problems and possibilities.
About one hundred European universities, professional associations and other organizations found this theme so important that they have chosen to work on it together, rather than individually. In this way, they hoped to cope with the challenge for universities to change due to the new technologies and their effects on our society. ACO*HUM has been investigating the impact of new information and communication technologies (ICT) on curriculum content, scientific methodology and learning methods at institutions for higher education. The project has also paid attention to the relevance of new technologies for humanities content providers, such as museums, libraries, and archives." (cit. dal web propr. 24/11/04)
http://helmer.aksis.uib.no/AcoHum/aco-hum.html

AegeaNet
"AegeaNet, a discussion and news group on the pre-classical Aegean world from Palaeolithic to Homer and beyond. AegeaNet was born in December 1993 (as aegeanet@duke.edu), was announced at the annual meeting of the Archaeological Institute of America in Washington D.C. on 29 December, and moved to the University of Kansas (aegeanet@ku.edu) on 20 February 2002. At present it has about 800 subscribers.
The purpose of AegeaNet is to facilitate discussion, initiate and test new ideas, and explore possibilities in the world of the Aegean Bronze Age. Ideas, musings and queries, sample arguments, fully developed theses, and even entire drafts of papers are welcome." (cit. dal web propr. 26/11/04)
http://www.people.ku.edu/~jyounger/aegeanet.html

Akropolis World News
Il prof. John Coderch della Oxford University pubblica un notiziario in greco antico ma con l'adozione di forme e di locuzioni che rendano descrivibile l'attualità di oggi  ("neo-attico" come lui lo definisce). L'operazione si ispira alle diverse analoghe in corso per la lingua latina, in particolare il pregevole Nuntii Latini di finnica origine: a differenza di quest'ultimo manca, per il momento, la possibilità di ascolto in voce. L'aggiornamento è molto frequente; l'ultima notizia ad esempio è del 24 novembre 2004: Problhmatikai arcairesiai en th Oukrania. Offre anche un dizionario di neologismi in espansione.
http://www.akwn.net/

Culture e impresa - Rivista online
"Attraverso «Culture e impresa» intendiamo mettere a disposizione degli studiosi e dell’intera comunità la documentazione storica prodotta dalle imprese per rendere socialmente visibile il loro procedere operativo e ridurre il distacco con cui l’attore economico è spesso percepito nella società...Cosa ci aspettiamo da questa rivista? Che divenga luogo della riflessione tra imprenditori, attori dell’impresa e studiosi...Auspichiamo altresì che «Culture e impresa» offra l’occasione per porre agli attori economici la questione della memoria come fondamento della dimensione culturale ed etica del proprio operare.
La memoria – ovvero l’insieme degli elementi costitutivi del patrimonio storico-culturale dell’impresa e la disponibilità all’analisi retrospettiva del proprio operato – va riconosciuta, riprendendo Le Goff, come luogo del potere: essa è potente strumento organizzativo e strumento della formazione del consenso sociale interno ed esterno all’impresa; essa è una delle vie per attenuare la contraddizione tra la dimensione pubblica dell’economia e quella privata della proprietà dell’impresa. In questa accezione, la memoria elaborata dall’imprenditore e dall’insieme delle componenti dell’impresa diventa luogo della referenzialità morale e per ciò stesso dà concretezza a concetti oggi in voga quali la responsabilità sociale e la reputazione dell’impresa
Infine proponiamo «Culture e impresa» come uno strumento che faciliti l’accesso alla cultura d’impresa a chi deve impostare i percorsi educativi.(cit. dall'editoriale del N. 1)
http://www.cultureimpresa.it/italian/index.html

AIPAI - Associazione Italiana per il Patrimonio Archeologico Industriale
"E' costituita un'associazione culturale senza scopo di lucro per la conoscenza, la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio industriale denominata Associazione Italiana per il Patrimonio Archeologico Industriale.
L'associazione ha per scopo di promuovere e svolgere le seguenti attività:
Costituire un osservatorio permanente...
Promuovere la costituzione di reti di istituzioni pubbliche e private operanti nel campo della valorizzazione del patrimonio archeologico industriale...
Promuovere un più elevato livello di collaborazione operativa e scientifica tra enti pubblici e privati (musei, ministeri, università, soprintendenze, enti locali e istituzioni private) per la catalogazione, la tutela e la valorizzazione del patrimonio industriale, per la salvaguardia di archivi, macchine e altre testimonianze della civiltà industriale e del lavoro;
Perseguire una maggiore consapevolezza del valore storico e culturale del patrimonio industriale attraverso la circolazione di studi e ricerche, l' organizzazione di convegni, di giornate e di viaggi di studio, le pubblicazioni scientifiche divulgative...
Promuovere, coordinare e svolgere attività di ricerca fondate sull'apporto di diverse competenze disciplinari, con l'obbiettivo di analizzare il patrimonio archeologico industriale nelle sue molteplici connessioni con il sistema dei beni culturali ed ambientali e con la cultura del lavoro in una prospettiva di lungo periodo.
http://www.patrimonioindustriale.it/PatInd/portale.nsf?opendatabase

MUSEIMPRESA - Associazione Italiana Musei e Archivi d`Impresa
"L`Associazione si propone di promuovere la politica culturale dell`impresa attraverso la valorizzazione del museo e dell`archivio d`impresa. In quest`ambito persegue lo scambio e la diffusione di conoscenze ed esperienze con la comunità museale, le imprese, le istituzioni e il grande pubblico. Svolge altresì attività di ricerca, formazione, sviluppo e approfondimento nel campo della museologia e dell`archivistica d`impresa." (cit. dal web propr. 27/11/04)
http://www.museimpresa.com/

GLOW - Generative Linguistics in the Old World
"GLOW (Generative Linguistics in the Old World) is an international organization, founded in 1977 and based in Europe. Its goal is to further the study of Generative Grammar by organizing an annual conference and periodical summer schools, by publishing a newsletter and by any other means that facilitate the communication among practitioners of Generative Grammar throughout the world...The GLOW Newsletter appears twice a year, and contains information about the GLOW Conference, other conferences of interest, various GLOW activities, addresses and E-mails of members, and other short articles. It is automatically sent to all GLOW members." (cit. dal web propr. 29/11/04)
http://glow.kub.nl/

Citare una risorsa elettronica
Articolo della dott.ssa Véronique Ginouvès, redattrice di Telemme Infos della Maison Méditerranéenne des Sciences de l'Homme (CNRS). Altre risorse per le citazioni di materiali in formato elettronico si trovano alla pagina "Citare" di Internet per gli Umanisti.
Citaz.html

CL Fonts: A Font Package for Latinists
"Because there has been no high-quality, inexpensive typeface designed specifically for the needs of Latin teachers and scholars, CAES decided to sponsor the production of this package. It contains GaramondLatin, a professionally produced typeface that provides macrons, brevia, apices/stress marks, common inscriptional characters, characters for printing scanned poetry, and a few medieval and religious symbols." (cit. dal web propr. 3/12/04)
http://web.syr.edu/~dhmills/caes/ClassicalFonts.html

Journal of Electronic Publishing
"The Journal of Electronic Publishing  is a solely online, peer-reviewed full-text periodical devoted to issues surrounding scholarly electronic publishing as well as digital texts and the use of the Web in general in teaching and research contexts. Its aim is to be both a magazine and journal, publishing both short and longer pieces by experienced practitioners, publishers, scholars and librarians, or anyone interested in the business of electronic publishing. Issues are published three times a year, with the first volume appearing in 1995: all contents are available for browsing, by issue, author, or title. The scope of the journal is wide and readers will find articles on, for example, the electronic versus print publishing debate; the economics of scholarly electronic publishing; its impact on the scholarly communication process; questions of peer-review, copyright and intellectual property; the credibility of publishing in e-journals; Web-based instruction in the arts and humanities; and much more." (cit. da: Humbul  5/12/04)
http://www.press.umich.edu/jep/

Forschungsdokumentation zu Handschriften und seltenen Drucken
"'Forschungsdokumentation zu Handschriften und seltenen Drucken' (Documentation of research on manuscripts and rare prints) is the online version of a bibliography of secondary literature on manuscripts and early printed books held at the 'Bayerische StaatsBibliothek München'. Although collecting research literature started only in the 1950s, some of the papers go back to the 19th century. So far most of the entries are based on the old card catalogue and may contain only limited information. There are more than 113,000 bibliographical references which can be searched using several criteria, including shelfmark, year, aspect and provenance." (cit. da: Humbul  5/12/04)
http://www.bsb-muenchen.de/handruck/hsslit.htm

A Manual for Writers of Term Papers, Theses, and Dissertations
"The Chicago Manual of Style and Kate Turabian's Manual for Writers of Term Papers, Theses, and Dissertations both cover the same Chicago style... The old Student Guide has now become the new Writer's Guide to Chicago Style. The Writer's Guide looks to both the Turabian Manual as well a the Chicago Manual of Style (CMS) to figure out how to draft a research paper in impeccable Chicago Style. The CMS (2003) does not cover such essentials as the format for headings and subheadings in research papers, but Kate Turabian's fine manual does!  On the other hand, there are new things documented in the CMS--like references to Internet sources--that are not current in the Turabian Manual (1996). The Writer's Guide combs both for the essential instructions for using Chicago style. Revised November 2004." (cit. dal web propr. 3/12/04)
http://www.docstyles.com/cmsguide.htm

Archaeology Magazine
Pubblicazione dell' Archaeological Institute of America. Online offre corposi abstracts illustrati degli articoli principali sia del numero corrente che degli arretrati dal 1996: dal 1999 è possibile acquistare il full text degli articoli di interesse a prezzo contenuto (3,95 $: solo testo). Offre inoltre brevi articoli in full text, informazioni su eventi, risorse, conferenze, mostre etc.
http://www.archaeology.org/
 
 

Strumenti, tecniche e suggerimenti per la ricerca


Biblioteca digitale
"Google si appresta a lanciare un servizio senza precedenti che porterà in rete l'intero contenuto di decine di milioni di volumi. Molti saranno forniti solo come assaggio. Una rivoluzione che fa i conti con il copyright"  Leggi l'articolo:  (fonte: Punto-informatico)
L' iniziativa non ha ancora una denominazione ufficiale. Dalla stampa (recentissima) appare la convenzione che Google ha fatto con alcune biblioteche di importanti istituzioni per avviare la scannerizzazione. Un altro articolo recente è nel sito della RAI..
Per risalire a monte (nel sito di Google non c'è al momento nulla di ufficiale) inserendo questi termini:  < google Harvard  Stanford  Michigan Oxford New York > nella stringa di Google  vengono fuori gli articoli pubblicati in questi giorni  dai principali media americani.
 
 

Informazioni e links di servizio

Sistema Bibliotecario di Ateneo  SBA

Biblioteca di Lettere: Chiusure  per le festività
 
 
 

Testi dei corsi
Aggiornamento continuativo

Nuove accessioni
Aggiornamento quindicinale
 
 

inizio

 
 

°°°°°°°°°°°°
°°°°°


 
 
 
 

RISORSE ELETTRONICHE
Nuovi cdrom e abbonamenti online


Negro Pavon, Dalmacio: El pensamiento politico espanol en el siglo XIX
Fundacion historica Tavera Madrid, 1999
Contiene il testo di numerose opere pubblicate tra il 1782 e il 1912
UNIV. LETTERE    w-CD-E 00055
 

NOTE sulle risorse elettroniche

-L’elenco completo dei cdrom posseduti a Lettere è disponibile  presso l’indirizzo CDRom.html
-Nel sito della Biblioteca di Ateneo c’e’ l’elenco del materiale in rete interna: per accedere cliccare su “Risorse elettroniche
-Banche dati e cdrom di altri enti e istituzioni sono visibili qui.
 
 

inizio
°°°°°°°°°°°°
°°°°°

***************************
A cura di Carlo Favale
Internet per gli Umanisti    carl.htm
Consulenza online

Nota:
1-Il presente notiziario ha lo scopo di fornire indicazioni  per la ricerca online in ambito di discipline umanistiche e di strumenti utili per la medesima. Il sito è costruito in base agli interessi culturali gravitanti intorno alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Trento tenendo tuttavia presenti  anche ambiti più ampi e generali.
2-È tassativamente esclusa qualsiasi intenzione di pubblicità palese od occulta: l'indicazione di eventuali siti commerciali tiene conto unicamente dei contenuti atti a soddisfare il punto precedente senza alcun riferimento alla parte commerciale dei siti in oggetto né alcun giudizio implicito od esplicito sui relativi prodotti.
Licenza Creative Commons
Questo/a opera Ŕ pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.