Università degli Studi

di Trento

Sistema Bibliotecario di Ateneo

Biblioteca di Lettere

 

 

 

RES  NOVAS

3/2013  (CX)

Notiziario (saltuario) di umanesimo digitale

 

 

 

 

 

 


Siti e progetti di interesse umanistico

Informazioni ed utilità umanistiche

Strumenti e tecniche per la ricerca e utilità

Arretrati

Per ricevere il notiziario in posta elettronica scrivere al curatore inviando il proprio indirizzo email

 

 

 

 

 

 

 

SITI E PROGETTI DI INTERESSE UMANISTICO

 

 

 

MANUSCRIPTORIUM 

“Il progetto Manuscriptorium produce un ambiente virtuale di ricerca che consente l’ accesso a tutti i documenti digitali esistenti nell’ambito delle risorse di un libro antico (manoscritti, incunabuli, antichi libri a stampa, mappe, carte e ogni altri tipo di documento).

Queste risorse storiche, altrimenti disperse in svariate biblioteche digitali in tutto il mondo, sono adesso disponibili all’interno di un’unica interfaccia di una biblioteca digitale. Il servizio fornisce un accesso diretto a più di 5 milioni di immagini digitali. L’interfaccia è stata progettata per una facile ricerca e visualizzazione dei documenti, permettendo la creazione di collezioni personali e documenti virtuali.

I fornitori di contenuti - content providers – possono utilizzare diversi servizi e tools sviluppati per una facile aggregazione e integrazione di contenuti digitali eterogenei”. (cit. dal web propr. 13/11/13)

http://www.manuscriptorium.com/index.php?q=it

 

ARCHIMEDES PROJECT

“The Archimedes Project aims to develop model interactive environments for scholarly research on the history of mechanics and engineering from antiquity to the Renaissance. It is designed to integrate research and knowledge dissemination in new ways and to serve as a proof-of-concept project for open digital libraries on topics in the history of science. The project is funded by the Digital Libraries Initiative Phase 2 program of the National Science Foundation and is a joint endeavor of the Department of the Classics at Harvard University and the Max Planck Institute for the History of Science (MPIWG) in Berlin, Germany. Numerous treatises on mechanics as well as other forms of documentation of mechanical knowledge and practices constitute the project corpus. Ongoing research at Harvard University and the MPIWG on the long-term development of mechanical knowledge and its manifestation in technical terminology and the inferences of practitioners, engineers, and scientists plays an important role in the testbed design. The project demands powerful, linguistically based information technology for handling the variety of languages occurring in the source materials. Source documents are being prepared with tools such as automatic morphological analysis of Latin, Greek, Italian, and Arabic, as well as the automatic linking of sources to modern and historical dictionaries and reference works”. (cit. dal web propr. 13/11/13)

http://archimedes.fas.harvard.edu/

 

BRITISH SCHOOL AT ROME - Library and Archive Digital Collections

“In July 2007, The Getty Foundation awarded a generous grant to the British School at Rome Archive to support the arrangement and description of part of the John Bryan Ward-Perkins photographic collection. As a result of this 2-year project, this website (www.bsrdigitalcollections.it) of the BSR digital collections was created to present not only the photographic material (Photographs) but also other types of resources which follow into different categories: Maps, Prints, Documents, Postcards, Drawings, Paintings and Manuscripts. The majority of the digital images displayed on this website are represented by the photographs catalogued during the second Getty Foundation funded project (2007-2009).

In May 2013 the following new collections were added:

- 409 photographs of aqueducts in Lazio from the Thomas Ashby Collection published in I giganti dell’acqua, 2007

- a selection of photographs from the John Henry Parker Collection

- 56 photographs from the Robert Gardner Collection”. (fonte: AWOL  13/11/13)

http://www.bsrdigitalcollections.it/

 

TRISMEGISTOS

“Trismegistos [TM], called after the famous epithet of Hermes - Thoth, the Egyptian god of wisdom and writing who also played a major role in Greek religion and philosophy, is a platform aiming to surmount barriers of language and discipline in the study of texts from the ancient world, particularly late period Egypt and the Nile valley (roughly BC 800 - 800 AD).

The core component of TM is Trismegistos Texts, currently counting 207661 entries. When the database was created in 2005, it focused on providing information (metadata) on published papyrological documents from Graeco-Roman Egypt. Chronological boundaries are always artificial, and the nature of the sources soon suggested that BC 800 and AD 800 were more suited. Since egyptology does not know a disciplinary boundary between papyri and inscriptions, TM also decided to expand by adding all epigraphic material as well. Papyrology on the other hand includes also writing tablets from outside Egypt, which led us to widen our geographical scope to the entire ancient world. Finally, since the distinction between published and unpublished is increasingly less productive in a digital environment, we now no longer discriminate in that respect either. In principle, however, we still provide only metadata”. (cit. dal web propr. 13/11/13)

http://www.trismegistos.org

 

SCHOLEM  CARD  INDEX

“The Zohar is among the preeminent spiritual works of all time. Its history attests to its importance: within three hundred years of its creation (at the end of the 13th century) it had become the central text Kabbalistic text. The Kabbalists regarded it as an authoritative source, a model to be emulated, and an interpretive subject.  Gershom Scholem (1897-1982), the father of Kabbalah scholarship, followed suit and made the Zohar the focus of his endeavors.

Scholem's words about various passages, verses and words from the Zohar can be found in the many notations he made in his copy of the Zohar, on notes that he tucked between its pages, which were published in facsimile in 1991/21 as well as in his Milon HaZohar card index, which is now available on the National Library's of Israel website.

The catalogue is not a book per se, but personal notes that Scholem took in anticipation of the future writing of a Zohar lexicon…

…The notes written on the cards include, first and foremost, the meaning of the word and its various connotations, both in linguistic and Kabbalistic terms, and sometimes also symbolic ones.  In addition, the cards contain other usages and explanations that elucidate the origin of the word and it etymological development from the ancient texts (Bible, Talmud and Midrashim) or medieval texts – philosophy and Kabbalah, in particular allusions to the works of Moses de Leon who Scholem, for most of his life, regarded as the author of the Zohar. The notes also contain etymological considerations and parallel words in other languages, as well as reference to usage in later Kabbalistic texts and discussion of these words in works by both early and modern Zohar commentators.

To conclude, even though the Scholem card catalogue cannot be regarded as a fully realized dictionary of the Zohar, it is still of tremendous value as the only attempt thus far to prepare a comprehensive dictionary of this kind”. (cit. dal web propr. 13/11/13)

http://web.nli.org.il/sites/NLI/English/collections/jewish-collection/scholem/scholem-card-catalog/Pages/default.aspx

 

MONASTIC MANUSCRIPT PROJECT

“The Monastic Manuscript Project is a database of descriptions of manuscripts that contain texts relevant for the study of early medieval monasticism, especially monastic rules, ascetic treatises, vitae patrum-texts and texts related to monastic reforms. We provide lists of manuscripts for each of these texts, which are linked to manuscript descriptions. The purpose is to offer a tool for reconstructing not only the manuscript dissemination of early medieval monastic texts but also to give access to the specific contexts in which a text appears.

The database supports current edition projects and draws attention to understudied texts and the transmission of fragments, excerpts and florilegia. It is designed to facilitate the work of students and scholars who are interested in the history and reception of texts and who want to work with manuscripts rather than rely on modern editions.

Most pages provide links to a number of web resources, such as manuscript catalogues, online texts and translations, digitized manuscripts and repertoria. Manuscript descriptions are usually based on published manuscript catalogues and secondary literatur”. (cit. dal web propr. 13/11/13)

http://www.earlymedievalmonasticism.org/

  

BIBP  -  BASE D’ INFORMATION BIBLIOGRAPHIQUE EN PATRISTIQUE

“La BIBP est un système documentaire hautement spécialisé en patristique…est d'abord un service bibliographique automatisé en patristique portant sur l'information rétrospective comme sur l'information courante. Quelque 46 300 notices, issues de quelque 900 périodiques, peuvent actuellement être interrogées. Outre les renseignements bibliographiques habituels, chaque notice comprend une analyse par mode de descripteurs pondérés (primaires et secondaires) et un résumé du document. Chaque document est repéré et analysé à la source. Un fichier de quelque 40 000 recensions d'études patristiques sera éventuellement disponible.

L'entreprise BIBP est aussi une entreprise de normalisation de la nomenclature patristique. Comme une entreprise documentaire fiable exige une terminologie univoque, la BIBP met un soin particulier à la désignation des " objets " patristiques (auteurs et oeuvres patristiques, manuscrits, papyrus, pièces archéologiques, documents épigraphiques et iconographiques, etc.)…

…Même si la littérature patristique constitue le coeur de ses préoccupations, la BIBP couvre l'ensemble du christianisme patristique. Outre la patrologie, l'instrument en préparation distingue plus expressément une quinzaine de disciplines patristiques, à savoir l'archéologie, l'iconographie, l'épigraphie, la papyrologie et la codicologie chrétiennes, l'histoire du christianisme, l'histoire de la théologie, l'histoire de la philosophie chrétienne, l'histoire des conciles, l'histoire de la liturgie, l'histoire de la spiritualité (ascétisme), l'histoire du monachisme, l'histoire de l'exégèse biblique, l'hagiographie et la philologie des textes chrétiens.

La BIBP indexe les documents qui concernent le christianisme de la période allant du Ier siècle (à l'exclusion des textes bibliques) jusqu'au milieu du IXe siècle. Exceptionnellement, pour les christianismes d'Orient et slave, la limite est le milieu du XIe siècle (1054); pour les littératures chrétiennes syriaque, arménienne, géorgienne, copte, éthiopienne, persane et arabe, la limite est la fin du XIVe siècle…

…Pour le moment, la BIBP n' indexe systématiquement que le contenu des périodiques. Voici la liste des périodiques répertoriés par la BIBP”. (cit. dal web propr. 13/11/13)

http://www4.bibl.ulaval.ca/bd/bibp/

 

DIGITAL  VARIANTS

“…è un archivio digitale di testi di autori contemporanei fondato nel 1996 dal Department of Italian dell' Università di Edimburgo. Attualmente il progetto è ospitato dal Dipartimento di Italianistica di Roma Tre.

Lo scopo del progetto è rendere disponibili su rete testi di autori viventi in vari "passaggi" o stadi di scrittura. Affermati scrittori contemporanei di varie lingue e letterature (per ora italiano e spagnolo) mettono a nudo la loro opera mostrandoci i processi di scrittura che sono a monte del testo definitivo.

In epoca elettronica le varianti testuali scompaiono: sempre di meno sono gli autori che conservano le stampate delle versioni precedenti a quella definitiva e questo comporta una perdita per la conoscenza dei processi di genesi testuale. VD, tuttavia, non vuole "recuperare" le varianti dopo averne constatato il decesso (non è cioè "post-filologia"), ma intende fornire uno strumento per la comprensione dei processi di scrittura. Gli obiettivi:

-Raccogliere e archiviare elettronicamente varianti testuali (di varia forma e natura) di autori contemporanei mettendole a disposizione di esperti, ricercatori e studenti

-Realizzare, per ciascuno autore, una sezione di risorse multimediali con interviste, bio-bibliografie, link, immagini, ecc.

-Sperimentare soluzioni filologiche innovative per la piattaforma web”. (cit. dal web propr. 13/11/13)

http://www.digitalvariants.org/

ABEL -  Apollodori Bibliotheca Electronica

Database bibliografico, sistematico e critico, sul mitografo Apollodoro (o pseudo-Apollodoro) che risale fino alla editio princeps del 1555. Per ciascuna voce bibliografica, è disponibile non solo la descrizione completa, ma anche una sintesi dei contenuti.  E’ possibile consultare la bibliografia per categoria, autore moderno, titolo, autore antico, loci, nomi mitologici. Con la ricerca avanzata, è possibile poi ricercare in tutto il database con qualsiasi parola o stringa di caratteri. (visto il 13/11/13)

http://abel.arts.kuleuven.be/

 

BILDI  -  Documentation for biblical literature Innsbruck

Aim: Search of biblical and biblical-archaeological literature. Content:

-Classified documentation on biblical and biblical-archaeological literature, published in articles, collected works and monographs; since 1990 partly with references to book reviews

-Base of recording of articles: approximately 90 complete and approximately 540 relevant annuals and periodicals (see list of periodicals) of the University Library of Innsbruck and the Jesuit Library Innsbruck; completed by titles of the ZID (theological periodicals of the University Library Tuebingen)

-Base of recording of articles of collected works and Festschriften: acquisitions of the Theological Library of the University Innsbruck (search portal); off-prints of authors

-Base of recording of monographs: acquisitation of the Theological Library of the University Innsbruck (ALEPH); submissions of authors and publishers

-Base of recording of hints to book reviews: data meterial of the Biblical Institute in Rome

-Period and media of recording: card-catalogue (1980-1984), since 1985 computerized. Recording and computerization of card-titles in work”. (cit. dal web propr. 13/11/13)

http://www.uibk.ac.at/bildi/

 

BIBLIOGRAFIA DANTESCA INTERNAZIONALE

“La Bibliografia Dantesca Internazionale raccoglie gli studi su Dante e il suo ambito storico e letterario dal 1972 ad oggi per poter fornire agli studiosi, velocemente e in un unico ambiente, notizie che altrimenti sarebbe lungo e difficile reperire data la vastità degli studi danteschi nel mondo.

Contiene circa 40.000 schede iniziali (sommando i volumi monografici e miscellanei e i rispettivi spogli, gli articoli da riviste e le recensioni) con un incremento di circa 1500 schede l’anno; gli anni più recenti sono ovviamente più lacunosi ma il database sarà integrato e aggiornato semestralmente.

La particolarità di questa bibliografia è quella di essere suddivisa in soggetti specifici e di classificare come lemmi a parte anche articoli di spoglio di volumi miscellanei e capitoli di volumi monografici di argomento dantesco. Ogni scheda bibliografica è stata inoltre dotata di più parole chiave al fine di rendere possibile una ricerca mirata”. (cit. dal web propr. 27/11/13)

http://domino.leonet.it/sdi/bibliografia.nsf/pgHOME

 

ACTA ECCLESIAE MEDIONALENSIS

“Gli Acta Ecclesiæ Mediolanensis…furono pubblicati per la prima volta nel 1582 per raccogliere e divulgare l'imponente legislazione promossa da san Carlo Borromeo durante la sua attività come arcivescovo di Milano (i Sinodi Diocesani) e come metropolita della regione ecclesiastica che su Milano gravitava (i Concili Provinciali). Tale legislazione, che applicava in maniera puntigliosa le indicazioni provenienti dal Concilio di Trento da poco concluso (1565) in tema di riforma interna della Chiesa, ci offre una importante fonte per conoscere e interpretare non solo la vita della Chiesa di tardo Cinquecento, ma anche la vita della società, ancora permeata di spirito cristiano. Nell'opera legislativa di Carlo Borromeo troviamo infatti precise indicazioni sulla struttura della Diocesi Ambrosiana e sulla sua articolazione in Pievi e Parrocchie, sull'amministrazione dei sacramenti e sull'anagrafe parrocchiale (primo esempio di anagrafe in senso proprio, in anticipo di due secoli sull'anagrafe civile), sulle scuole di catechesi (forme embrionali di vere e proprie forme di alfabetizzazione) e sulle confraternite laicali (importanti espressioni di aggregazione con finalità di mutua assistenza e di carità sociale), fino ad arrivare a indicazioni di carattere igienico-sanitario.

L'importanza degli Acta è comprovata dal fatto che si diffusero in tutto il mondo cattolico, in Europa e in America latina, e divennero il “paradigma” della legislazione ecclesiastica di epoca post-tridentina almeno fino alla fine dell'Ottocento, come dimostrano le numerose edizioni e le numerose traduzioni nelle principali lingue europee”. (cit. dal web propr. 27/11/13)

http://www.ambrosiana.eu/cms/integrazione_presentazione-2097.html

NOVITÀ nella Rassegna degli strumenti informatici per lo studio dell’antichità classica
Aggiornamento al  2 giugno 2007
NOVITÀ in  Reti Medievali
Aggiornamento  al  2 novembre 2013
NOVITÀ in  Italianistica Online
Aggiornamento al  17 luglio 2010

NOVITÀ nella Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
Aggiornamento al  13 novembre 2013

NOVITÀ in  SWIF - Sito Web Italiano per la Filosofia
Progetto terminato nel 2008: il sito contiene l' archivio dal 1995

NOVITÀ in  Philosophia Medii Aevi   
Aggiornamento  al  7 novembre 2013

NOVITÀ nella  Base d'Information Bibliographique en Patristique

Aggiornamento  al  luglio 2013

inizio 

 

 

 

 

 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
°°°°°°°°°°°°

 

 

 

 

 

INFORMAZIONI ED UTILITÀ UMANISTICHE

 

 

 

AMACI  -  Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani

 “L’ associazione non profit che oggi riunisce 25 tra i più importanti musei d’arte contemporanea italiani, nasce nel 2003 con lo scopo di fondare una vera cultura istituzionale dell’arte moderna e contemporanea nel nostro Paese. AMACI, fin dalla sua costituzione, ha orientato la propria attività verso tre obiettivi fondamentali: conoscersi, conoscere gli altri, farsi conoscere…

…La nascita di AMACI ha significato la creazione di una rete di musei attivi nel settore dell’arte contemporanea che si è concretizzata in un proficuo scambio di informazioni, idee ed esperienze altrimenti difficile da realizzare e nella condivisione di modelli di crescita e miglioramento degli standard di qualità delle nostre istituzioni. La reciproca conoscenza e il continuo confronto hanno permesso di effettuare uno screening sullo stato di salute dei nostri musei, di evidenziare problematiche e, attraverso la condivisione, di mettere a profitto i risultati delle esperienze positive delle istituzioni associate.

Il costante dialogo, reso possibile dall’appartenenza a una comune realtà associativa, permette ai musei di interrogarsi costantemente sul ruolo e sull’identità del museo d’arte contemporanea nella nostra società, stretta tra la globalizzazione degli strumenti della conoscenza e la parcellizzazione degli interventi”. (cit. dal web propr. 13/11/13)

http://www.amaci.org/

 

CSEL  -  Corpus Scriptorum Ecclesiasticorum Latinorum

“The CSEL…is a research unit at the University of Salzburg. It focusses on Latin Christian literature of Late Antiquity:

-Critical editions of the works of Latin Christian authors up to the sixth century (CSEL series, since 1866)

-Studies on the manuscript tradition of the works of Augustine of Hippo

-Philological, historical, and theological monographs accompanying the editions

CSEL is co-editing Wiener Studien, a journal for classical philology, patristics and Latin tradition”. (cit. dal web propr. 13/11/13)

http://www.csel.eu/

 

PubPsych

“PubPsych è un nuovo strumento appena rilasciato per accedere a risorse informative (articoli, libri, capitoli di libri, tesi di dottorato, test, dati della ricerca e trattamenti) in ambito psicologico con un focus sulla produzione scientifica europea. PubPsych aggrega i metadati provenienti dai principali repertori online, repository e portali di ricerca in ambito psicologico che sono liberamente accessibili.

Nasce da un progetto coordinato da ZPID- Leibniz Institute for Psychology Information in collaborazione con CNRS-INIST in Francia, CSIC in Spagna, THe National Library in Norvegia, DANS in Olanda, ERIC e la National Library of Medicine negli USA.

PubPsych indicizza oltre 823.577 datasets (Luglio 2013) e offre, quando è possibile, il link al full text dell’articolo e link ad informazioni supplementari. L’obiettivo di PubPsych è di accrescere la visibilità della letteratura in ambito psicologico prodotta in Europa e a livello internazionale. L’interfaccia è disponibile in inglese, francese, spagnolo, tedesco”. (cit. da CLUG Newsletter 5/08/13)

http://pubpsych.zpid.de/pubpsych/?lang=EN

 

Semantics of Ancient Hebrew Database

“The…project aims to provide a structured and critical survey of scholarly literature on the vocabulary of classical Hebrew. As it grows, it will offer an in-depth resource to complement traditional dictionaries, and also provide pointers to further research. This international, cooperative project involves a growing number of research centres with coordination provided by Leiden. Read the foundational description of the project (1994).

The currently participating centres include the following universities: Azusa Pacific, Bonn, Cambridge, Edinburgh, Florence, Oxford, Leiden, Leuven, Paris, Rome, and Sydney”. (cit. dal web propr. 13/11/13)

http://www.sahd.div.ed.ac.uk/

 

DEMGOL  -  Dizionario Etimologico della Mitologia Greca multilingue On Line

“Il Gruppo di Ricerca sul Mito e la Mitografia dell'Università di Trieste (GRIMM - Dipartimento di Scienze dell'Antichità "Leonardo Ferrero") sta elaborando questo grande Dizionario Etimologico della Mitologia Greca…

…Utile per la didattica (e-learning) e per una rapida consultazione da parte di esperti e di persone digiune di cultura classica, esso fornisce le fonti principali e un'etimologia plausibile degli antroponimi del mito greco e latino (soprattutto per i personaggi minori), segnalando nomi e termini di origine micenea, e le proposte interpretative più recenti della ricerca linguistica. Molte voci sono collegate con qualche immagine scelta non tanto nella vasta iconografia antica (pittura vascolare, etc.), quanto invece nelle riprese moderne, per mostrare la diffusione e la vitalità dei temi della mitologia classica nella cultura europea, dal medioevo a oggi.” (cit. dal web propr. 13/11/13)

Al momento i nomi consultabili sono: 995 italiani,  410 francesi,  877 spagnoli, 953 portoghesi, 44 inglesi,  260 catalani.

http://demgol.units.it/index.do

 

Eurypedia

Enciclopedia online di 38 sistemi scolastici e universitari nazionali relativi a 33 paesi (i 28 paesi dell’UE, Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera e Turchia). Costantemente aggiornata dalla rete Eurydice, coordinata dall’Agenzia esecutiva per l’istruzione gli audiovisivi e la cultura dell'UE. Le informazioni sono accessibili per paese ed argomento. Inoltre, è possibile navigare tra i vari articoli dal menu a tendina "This topic in other countries", in modo da confrontare i vari sistemi di istruzione. (fonte: DFP 13/11/13)

https://webgate.ec.europa.eu/fpfis/mwikis/eurydice/index.php?title=Main_Page&oldid=83124

 

TEI  -  Text Encoding Initiative

“La TEI è stata istituita nel 1987 per sviluppare e mantenere delle linee guida per la codifica digitale di testi letterali e linguistici. Attraverso le cosiddette Guidelines for Electronic Text Encoding and Interchange, la TEI definisce un linguaggio di markup (in XML) per la digitalizzazione dei testi, utile in particolar modo per coloro che intendono costituire archivi e banche dati testuali. L'idea di fondo era quella di creare uno standard per digitalizzare i testi letterari (in particolare testi antichi), per poterli conservare nel tempo in maniera efficiente. Dalla codifica digitale si ottengono anche altri benefici, come la portabilità dei testi, la facilità di archiviazione e la facilità di gestione attraverso gli strumenti informatici. In quell'anno anno, per mettere ordine tra i molti modelli e linguaggi di rappresentazione esistenti, venne organizzato un incontro al Vassar College, New York, in modo da poter affrontare questi problemi. L'incontro, che riunì gruppi di studiosi di varie discipline e rappresentanti di società professionali, biblioteche, archivi, e progetti in un certo numero di paesi in Europa, Nord America e Asia, fu la base per la fondazione della Text Encoding Initiative (TEI). Fu così che le tre maggiori associazioni mondiali che utilizzavano tecnologie digitali negli studi sulle scienze umane, l' Association for Computers and the Humanities (ACH), l' Association for Computational Linguistics (ACL) e l' Association for Literary and Linguistic Computing (ALLC) si riunirono per sponsorizzare il progetto. Ad esso iniziarono a collaborare gruppi di studiosi provenienti da diversi paesi. Dal 2000 la TEI è diventata un consorzio.” (fonte: Wikipedia 13/11/13)

http://www.tei-c.org/index.xml

 

Vocabulaire Codicologique

“Répertoire méthodique des termes français relatifs aux manuscrits avec leurs équivalents en anglais, italien, espagnol. Sous le patronage du Comité international de paléographie latine e a cura dell’ Institut de recherche et d'histoire des textes.

Cette version hypertextuelle reprend intégralement le texte et les illustrations de la version originale (Denis Muzerelle,  Paris, Editions CEMI, 1985) à l'exception de quelques précisions qui ont paru indispensables, et des aménagements imposés par des impératifs techniques. En revanche, les fonctions hypertextuelles ont rendu possible la multiplication des renvois entre texte et figures.” (cit. liberamente dal web propr. 27/11/13)

http://vocabulaire.irht.cnrs.fr/

 

 

PUBBLICAZIONI  OPEN-ACCESS

 

Museum Helveticum: schweizerische Zeitschrift für klassische Altertumswissenschaft = Revue suisse pour l'étude de l'antiquité classique = Rivista svizzera di filologia classica

L’ importante rivista interamente online dal 1944 (visto il13/11/13)

IpoTESI di Preistoria    (Dipartimento di Archeologia dell'Università di Bologna)

“La rivista intende divulgare al mondo scientifico i risultati di recenti ricerche e studi di preistoria e protostoria italiana, in modo da far emergere il patrimonio di conoscenze sui contesti e sulle problematiche delle fasi più remote della storia. La pubblicazione in formato digitale permette di rendere noti quei contributi che rimangono spesso in attesa di trovare adeguati spazi editoriali, proprio per le caratteristiche di ricchezza e abbondanza di dati e di documentazione”. (cit. dal web propr. 13/11/13)

Patristics: Newsletter of the North American Patristics Society

“The official publication of the North American Patristics Society, the Journal of Early Christian Studies focuses on the study of Christianity in the context of late ancient societies and religions from c.e. 100-700. Incorporating The Second Century (an earlier publication), the journal publishes the best of traditional patristics scholarship while showcasing articles that call attention to newer themes and methodologies than those appearing in other patristics journals”. (cit. dal web propr. 13/11/13)

Fragments: Interdisciplinary Approaches to the Study of Ancient & Medieval Pasts

“…a new, open-access and peer-reviewed journal, published by MPublishing, a division of the University of Michigan Library. The journal's first articles were published in July 2011. Fragments provides a forum for dialogue and exchange between scholars in all fields of the humanities and social sciences who study the premodern world. The journal encourages scholars to pursue subjects of broad interest to colleagues working in other places and times, and to pursue comparative and connective approaches in investigating the past”. (cit. dal web propr. 13/11/13)

QE- Quaderni estensi, Rivista on line degli Istituti culturali estensi

“Le finalità perseguite da Quaderni estensi sono volte a valorizzare l’eccezionale patrimonio conservato dalle tre istituzioni culturali statali di Modena (Archivio di Stato -Archivio Segreto Estense, Biblioteca Estense, Galleria, Museo e Medagliere Estense) e dar conto dell’attività scientifica e culturale”. (cit. dal web propr. 13/11/13)

Porphyra - International academic journal in Byzantine Studies

Porphyra è la prima rivista italiana on line dedicata esclusivamente a Bisanzio. Dal 2012 è divenuta una rivista internazionale, dove appaiono articoli in lingua Francese, Inglese e Tedesca”. (cit. dal web propr. 13/11/13)

ROAD - Directory of Open Access scholarly Resources

Il servizio ROAD è stato sviluppato nel corso degli ultimi mesi dall'ISSN Network, in collaborazione con l'UNESCO.  Si tratta di un database pubblicamente consultabile di periodici scientifici open access, a copertura internazionale: sono ricercabili per paese e per area disciplinare). Rispetto ad altri strumenti simili, questo contiene esclusivamente riviste dotate di codice ISSN. (visto il 18/12/13)

 

 

ARTICOLI  -  SEGNALAZIONI  -  RECENSIONI 

 

Enic-naric.net : gateway to recognition of academic and professional qualifications

Portale che dà accesso ad informazioni sul riconoscimento dei titoli accademici, delle qualifiche professionali e sulle modalità di accesso ai corsi di studio in 55 paesi. Sono presenti informazioni di carattere generale sulle modalità di ammissione ai corsi mentre, per le diverse norme nazionali, rinvia ai siti dei centri nazionali d'informazione di ogni paese.  E' gestito dalla rete ENIC-NARIC. ENIC (European Network of national Information Centres on academic recognition and mobility) è promossa dal Consiglio d’Europa e dall’Unesco-Regione Europa; NARIC (National Academic Recognition Information Centres) è promossa dall’Unione europea. (fonte: DFP 13/11/13)

Settore Manoscritti e Rari della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze

Blog che intende raccogliere e condividere le informazioni bibliografiche fornite all'utenza remota dal Settore Manoscritti e Rari della BNCF.  A queste si aggiungono una selezione di schede e contributi elaborati dai bibliotecari per i cataloghi a stampa relativi a progetti di catalogazione e alle numerose mostre, nazionali e internazionali, a cui la BNCF partecipa con i propri documenti. (fonte: AIB-CUR  13/11/13)

L’Open Access è legge anche in Italia

Come riporta Antonella De Robbio nel suo articolo sul “Bo”,è stata finalmente approvata una norma per garantire l’accesso aperto ai risultati della ricerca scientifica finanziata con fondi pubblici è anche nel nostro Paese.

(fonte: CLUG Newsletter 26/10/13)

inizio

 

 

 

 

 

STRUMENTI E TECNICHE PER LA RICERCA E PER L’ INFORMAZIONE E UTILITA'

 

Universitaly

MIUR offre agli studenti italiani la possibilità di consultare un ipertesto organizzato allo scopo di facilitare la scelta dell'iscrizione all'Università. I percorsi conducono ai vari corsi di laurea indicandone le specificità, le tariffe, gli sbocchi occupazionali, le borse di studio. Si tratta di una guida all'orientamento completa e aggiornata. Anche istruzione superiore. (visto: 13/11/13)

http://www.universitaly.it/

 

PLOTEUS

Portale sulle opportunità di apprendimento in Europa. Per ogni paese fornisce indirizzi utili su: corsi di istruzione, formazione professionale e degli adulti in base all'argomento; sistemi di istruzione e riconoscimento diplomi; programmi di scambio e borse di studio; informazioni pratiche come alloggio, sicurezza sociale, quadro giuridico per studiare e lavorare. (visto: 13/11/13)

http://ec.europa.eu/ploteus/home_it.htm

Google Ngram Viewer

Strumento che cerca all’ interno dell’immenso corpus costituito da tutti i libri digitalizzati da Google Books parole, gruppi di parole o frasi fornendo un grafico con l’andamento percentuale di questi termini su un arco di tempo molto ampio (al momento sono coperti i 508 anni tra il 1500 e il 2008, con un’impostazione di base tra il 1800 e il 2000, personalizzabile a piacere). Utile per studi sulle  frequenze con cui certi termini sono variati nel tempo e soprattutto a cogliere i trend del passato e ad analizzare quelli in atto. Oltre alla possibile consultazione, ora Google ha rilasciato anche l’ intero dataset in forma liberamente utilizzabile da chiunque. (visto: 13/11/13)

http://books.google.com/ngrams

  

Istella

“Il nuovo motore per il web italiano, che dà agli utenti la possibilità di cercare, contribuire e condividere:

-cercare nel Web;

-contribuire alla creazione di un grande patrimonio di conoscenze da rendere fruibile a tutti;

-condividere in modo semplice e veloce documenti, immagini, audio e video”. (cit. dal web propr. 11/12/13)

http://www.istella.it/

Contatori di caratteri

Tre contatori di caratteri compresi gli spazi:

Contatore di caratteri 1   

Contatore di caratteri 2

Contatore di caratteri 3   

 

 

 

 

inizio

 

 

 

***************************
A cura di   Carlo Favale
Internet per gli Umanisti   http://biblio.lett.unitn.it/

 

 

Nota:
1-Il presente notiziario ha lo scopo di fornire indicazioni  per la ricerca online in ambito di discipline umanistiche e di strumenti utili per la medesima. Il sito è costruito in base agli interessi culturali gravitanti intorno alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Trento, tenendo tuttavia presenti  anche ambiti più ampi e generali

2-È tassativamente esclusa qualsiasi intenzione di pubblicità palese od occulta: l'indicazione di eventuali siti commerciali tiene conto unicamente dei contenuti atti a soddisfare il punto precedente senza alcun riferimento alla parte commerciale dei siti in oggetto.

 

 

 



 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
   
 ciau Sa'!

;-)))