Università degli Studi

di Trento

Sistema Bibliotecario di Ateneo

Polo umanistico-letterario

 

 

 

RES  NOVAS

2/2011  (CIV)

Notiziario (saltuario) di umanesimo digitale

 

 

 

 

 

 

Siti e progetti di interesse umanistico
Informazioni ed utilità umanistiche
Strumenti, tecniche e suggerimenti per la ricerca

Arretrati

Per ricevere il notiziario in posta elettronica scrivere al curatore inviando il proprio indirizzo email

 

 

 

 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
°°°°°°°°°°°°

 

 

 


 

SITI E PROGETTI DI INTERESSE UMANISTICO

 

 

 

 

DIGITAL  SCRIPTORIUM

“The Digital Scriptorium is a growing image database of medieval and renaissance manuscripts that unites scattered resources from many institutions into an international tool for teaching and scholarly research. As a visual catalog, DS allows scholars to verify with their own eyes cataloguing information about places and dates of origin, scripts, artists, and quality. Special emphasis is placed on the touchstone materials: manuscripts signed and dated by their scribes. DS records manuscripts that traditionally would have been unlikely candidates for reproduction.

It fosters public viewing of materials otherwise available only within libraries. Because it is web-based, it encourages interaction between the knowledge of scholars and the holdings of libraries to build a reciprocal flow of information. Digital Scriptorium looks to the needs of a very diverse community of medievalists, classicists, musicologists, paleographers, diplomatists and art historians. At the same time Digital Scriptorium recognizes the limited resources of libraries; it bridges the gap between needs and resources by means of extensive rather than intensive cataloguing, often based on legacy data, and sample imaging.

Digital Scriptorium institutional partners have instituted a governance structure to plan jointly for the future of the program, in terms of scope, sustainability, and content. Presently viewable on the DS website are records for 5,300 manuscripts and for 24,300 images. ” (cit. dal web propr. 14/5/11)

http://www.scriptorium.columbia.edu/

 

THE  PROJET  VOLTERRA

“The «Projet Volterra» was established in honour of the memory of the distinguished Roman lawyer Edoardo Volterra (1904-1984), whose widow left his substantial and rich collection of Roman law books to the École Française de Rome...The general aims of the Projet Volterra are to promote the study of Roman law in its full social, political and legal context.

The first phase...entitled Law and Empire AD193-455, it focused on later Roman imperial legal pronouncements and its primary output was an on-line searchable database of all imperial pronouncements in Latin from the late second to mid-fifth centuries. Although this phase is now finished, its product is a 'living database' that continues to be up-dated...

The second phase of the project, entitled Law and the End of Empire (Volterra II), started in September 2005. This comprises two five-year research projects funded by the Arts and Humanities Reseach Council (2005-2010, 2011-2015), and it continues to be based in the Department of History at University College London. It carries on chronologically from where Volterra I left off. Based on a thorough analysis of the surviving texts and their transmission, the aim of this phase of the project is to produce a history, with supporting database and on-line resources, of the law (Roman, Germanic or ‘barbarian’, and ecclesiastical) in all its aspects in continental Europe between the end of the Roman Empire in the west and the Carolingian period. ” (cit. dal web propr. 14/5/11)

http://www.ucl.ac.uk/history2/volterra/

 

EBLA DIGITAL ARCHIVES

“The database – carried out in the framework of Progetto Sinleqiunnini – is intended to include all texts so far published belonging to the 3rd millennium royal archives of Ebla/Tell Mardikh, the Syrian archaeological site discovered and excavated by the “Italian Archaeological Mission to Syria”, directed by Paolo Matthiae.

The text encoding system was originally designed by Giorgio Buccellati (member of the International Committe for the Study of the Ebla Texts) and then slightly modified to make it more suitable to the graphemic features of the Ebla documents. Transliterations provided in the ARET volumes have been checked against the photographs and a number of corrections and collations from the original tablets have been included in the digital files thanks to the efforts of several scholars, who kindly offered their contribution over a long period of time...

...The main purpose for the Ebla Digital Archives database is to offer to scholars and students in the field of Ebla studies an easy manageable research tool for browsing through the documents according to multiple searching criteria and for editing texts or portions of texts according to standard assyriological conventions. (cit. dal web propr. 31/5/11)

http://virgo.unive.it/eblaonline/cgi-bin/project.html

 

SOCIÉTÉ  FRANÇOIS  VILLON

“Plus de cinq siècles après la première publication en imprimée de ses oeuvres, François Villon reste le plus connu des poètes du moyen âge français. Ce site est voué à un témoignage actif de sa réception partout dans le monde. Malgré son début en liste des liens, ce site est devenu, dans le temps, un centre des renseignements sur les études villoniennes avec plus de 500 liens, pour annoncer des recherches et des présentations, pour suivre les publications électroniques et en papier, pour explorer un peu les contextes historiques, culturels et artistiques dans lesquels Villon a écrit, et peut-être même un lieu d'échange des idées. Indexe du site:

-Oeuvre set traductions

-La Critique de Villon et de ses oeuvres

-La Réception de Villon et de ses oeuvres

-Villon dans son époque (années, événements, gens, images, langue, lieux, livres, société)

-Société François Villon, Bulletin

-Forum” (cit. dal web propr. 31/5/11)

http://globegate.utm.edu/french/globegate_mirror/villon.html

 

INDEX  THEOLOGICUS

“Index Theologicus, or IxTheo, is a free bibliographic database of theological articles published in over 600 periodicals worldwide, plus festschrifts and conference proceedings. A very sophisticated search function aids location of relevant material, and a helpful tutorial shows new users how to make the most of this. The main focus of the database is on articles written in western European languages, including thousands of resources in English.

The website which hosts the database is in German, with an English version also available (although there are occasional pages which have not yet been fully translated - such as, for example, the Current Awareness section, which gives details of the works added to the database in the last month). This index is a valuable resource for students and researchers of theology and religious studies. (cit. da Intute 31/5/11)

http://www.ixtheo.de/

 

manoscritti del Fondo Antico presso il Sacro Convento di Assisi

“La biblioteca del Sacro Convento di Assisi si è costituta sin dal sec. XIII come biblioteca della comunità francescana residente presso la chiesa-santuario di S. Francesco. Gli studiosi sono ormai concordi nell’affermare che nel Sacro Convento fu attivo uno scriptorium che realizzò innanzitutto  manoscritti liturgici e omiletici destinati al culto ed all’attività pastorale e nel contempo manoscritti biblici, filosofici e teologici destinati allo studio. La produzione di questo centro scrittorio è documentata anche grazie all’uso di una grafia particolare, denominata littera assisiensis.

Accanto alla produzione libraria propria del centro scrittorio assisano notevole è stato l'arricchimento della biblioteca medievale dovuta ad acquisizioni di manoscritti prodotti in altri luoghi. La biblioteca di Assisi fu la più ricca biblioteca francescana d’Europa sino alla fine del secolo XIV, paragonabile alle prestigiose biblioteche monastiche e a quelle universitarie. L’inventario redatto da fra Giovanni di Iolo nel 1381 ne è la più significativa testimonianza...

...La parte più prestigiosa del Fondo antico è costituita da 709 mss., dei quali circa 70 miniati, alcuni in oro, e da circa 4.000 tra incunaboli e cinquecentine...La banca dati contiene le immagini digitali (260.000 circa) dei manoscritti del Fondo Antico. Secondo i parametri qualitativi indicati dalla Biblioteca Digitale Italiana, la risoluzione digitale adottata va dai 300 ai 600 dpi per i manoscritti non miniati (da 400 a 1000 dpi per i miniati). Le immagini sono state tutte corredate dei dati gestionali e amministrativi (MAG).

Per ogni manoscritto è stata compilata una scheda catalografica utilizzando il programma MANUS, recuperando i dati dal catalogo di C. Cenci, Bibliotheca manuscripta ad Sacrum conventum assisiensem, Assisi, 1981, 2 v. ” (cit. dal web propr. 31/5/11)

http://www.sisf-assisi.it/digitalizzazione.htm

 

L’ ICONOLOGIA DI CESARE  RIPA  –  serie completa delle immagini   

“L' Iconologia di Cesare Ripa è il più completo repertorio di immagini allegoriche cui attinsero a piene mani generazioni di artisti e di poeti di tutta Europa. L’opera fu edita per la prima volta a Roma nel 1593, senza illustrazioni [Iconologia (1593)]. Poi ripubblicata, sempre a Roma, nel 1603, con un ricco corredo di xilografie che, da sempre, furono considerate derivate in gran parte dai disegni di Giuseppe Cesari, detto il Cavalier d’Arpino, famoso pittore contemporaneo. Ampliata dall’autore, l’Iconologia fu più volte ristampata: a Padova, nel 1611 e nel 1618, a Siena, nel 1613, infine a Parma, nel 1620, in tre volumi. Seguirono numerosissime edizioni postume, mentre l’opera si diffondeva in Europa, ottenendo molto successo, con traduzioni in inglese, tedesco, francese e olandese.

L'edizione più completa è la monumentale stesura in cinque volumi che ha come titolo: "Iconologia del Cavaliere Cesare Ripa Perugino Notabilmente Accresciuta d'Immagini, di Annotazioni, e di Fatti dall'Abate Cesare Orlandi.... 5 vols. Perugia: Stamperia di Piergiovanni Costantini, 1764-67". 

Di questa edizione riportiamo qui la serie completa delle 374 immagini, suddivise in cinque pagine. Cliccando su un'immagine o sul suo nome si accede alla versione ad alta definizione. Le stesse immagini sono state anche radunate in un unico file pdf che è possibile scaricare.” (cit. dal web propr. 31/5/11)

http://www.labirintoermetico.com/04Iconologia/iconologia_ripa_immagini/index.html

Altre edizioni dell’ Iconologia consultabili sul web.  (visto 31/5/11)

http://www.delfico.it/01%20allegorie.htm#Ripa04

 

CRSBI  -  Corpus of Romanesque Sculpture in Britain and Ireland

“Romanesque sculpture marks a high point of artistic production in Britain and Ireland, corresponding to the boom in high-quality building that followed the Norman Conquest in 1066, and reflecting a new set of links with mainland Europe. A good deal of this sculpture remains in parish churches and cathedrals, houses and halls, castles and museums throughout these isles. The aim of the project is to photograph and record all the surviving sculpture, making this important part of British and Irish heritage available over the Internet.

A committee of experts in the field leads a team of skilled and dedicated volunteer fieldworkers, who locate and visit sites where Romanesque sculpture survives, describing, measuring and taking photographs. The project editors convert the raw materials of their research into an electronic archive. Church plans, generously made available by the Church Plans Online project and National Monuments Record, are included where available as an additional visual aid. The website is updated regularly; information on the current status of fieldwork completed and in progress is provided in the 'news' section on the website homepage.” (cit. dal web propr. 31/5/11)

http://www.crsbi.ac.uk/index.html

 

GUIDA AGLI ARCHIVI MUSICALI DEL NOVECENTO

“La guida...intende offrire una base dati integrata sulle fonti relative alla musica del Novecento e contemporanea (compositori, musicologi, esecutori, teorici)...Vi confluiscono periodicamente sia le schede provenienti dalle istituzioni aderenti al progetto, sia quelle frutto del capillare lavoro di censimento avviato e curato dalle Soprintendenze archivistiche. A ciò si aggiungono i dati risultanti dai lavori realizzati con il sostegno della Direzione generale degli archivi, quali l’inventariazione degli archivi storici dell’Accademia nazionale di Santa Cecilia, del Teatro Maggio musicale fiorentino, dell' Istituto nazionale tostiano e della Fondazione Isabella Scelsi.

Nel corso del 2011 la Guida on line verrà incorporata nel portale tematico dedicato agli archivi musicali del Novecento e contemporanei, attualmente in fase di realizzazione a cura della Direzione generale per gli archivi. Il portale, oltre alla base dati, metterà a disposizione degli utenti percorsi tematici, una cronologia specifica, approfondimenti biografici, mappatura geografica degli archivi ecc.

I tracciati utilizzati per la rilevazione garantiscono, sulla base di standard condivisi, la possibilità di integrazione in SIUSA e nel costituendo Sistema Archivistico Nazionale delle descrizioni acquisite, moltiplicando in tal modo la reperibilità  delle informazioni.

In questa prima versione la Guida mette a disposizione le schede descrittive degli Istituti conservatori, dei Soggetti produttori e dei Complessi documentari. Oltre alla modalità di esplorazione e alla ricerca alfabetica degli istituti conservatori, i dati sono ricercabili in modalità full text.” (cit. dal web propr. 21/6/11)

http://80.241.231.187/archivimusicali/index.html

  

DARWIN  ONLINE

“The Complete Work of Charles Darwin Online (or Darwin Online) is the largest and most widely consulted edition of the writings of Darwin ever published. More copies of Darwin's works have been downloaded from Darwin Online than have been printed by all publishers of the past 180 years combined. This website contains over 99,000 pages of searchable text and 213,000 electronic images, at least one exemplar of all known Darwin publications, reproduced to the highest scholarly standards, both as searchable text and electronic images of the originals. The majority of these have been edited and annotated here for the first time with more than 4,700 original editorial notes.

This website also provides the largest collection of Darwin's private papers and manuscripts ever published: c. 20,000 items across c. 100,000 images, thanks primarily to the kind permission of Cambridge University Library. These numbers break down roughly as follows:

113,070 images of publications

100,140 images of manuscripts

15,515 pages of transcribed Darwin manuscripts (8,330 of these were previously published)

48,360 pages of transcribed Darwin publications

63,875 total pages by Darwin (includes different editions and translations of the same works)

34,000 pages by other authers.

Darwin's unpublished letters are the focus of the Correspondence of Charles Darwin project (1985-)... The distinguishing features and innovations on Darwin Online are outlined below:

• The first complete collection of all Darwin's publications. Many have never been reproduced and almost all appear online for the first time, including many newly discovered items.

• Each text is absolutely complete, nothing is omitted (as so often with online texts). The digitizations on Darwin Online begin with the spine of the book and include every page without exception, including end pages and publishers' advertizements...” (cit. dal web propr. 21/6/11)

http://darwin-online.org.uk/

 

ROMAN  AMPHORAE:  A DIGITAL RESOURCE

“Is a website that provides information on and catalogues of Roman empire amphorae and fabrics. Amphorae were pottery vases used to transport agricultural goods over long distances. The website features a detailed introductory discussion of the significance of amphorae as a source of information on trade during the Roman empire, along with information on amphora studies and classification. Catalogues of amphorae and the clay fabics from which they were made can be searched alphabetically, or by characteristics, date, location of production or distribution, or contents. The amphora catalogue includes, as available, the details, characteristics, drawings, petrology, specimens, pictures, and a bibliography relating to the item. The fabric catalogue can be searched separately. This resource is a product of the Amphora Project, based at the University of Southampton, and funded by the Arts and Humanities Research Council. The website is freely accessible, but the user must first agree to terms and conditions before entering the site.” (cit. dal web propr. 22/6/11)

http://archaeologydataservice.ac.uk/archives/view/amphora_ahrb_2005/index.cfm?CFID=1997&CFTOKEN=042EF4E8-FD69-4538-AFAE9A5115DCFA06

  

 

 

 

 

 

NOVITÀ nella Rassegna degli strumenti informatici per lo studio dell’antichità classica
Aggiornamento al  2 giugno 2007
NOVITÀ in  Reti Medievali
Aggiornamento  al  21 giugno 2011  
NOVITÀ in  Italianistica Online
Aggiornamento al  17 luglio 2010

NOVITÀ nella Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
Aggiornamento al  24 febbraio 2011

NOVITÀ in  SWIF - Sito Web Italiano per la Filosofia
Progetto terminato nel 2008: il sito contiene l' archivio dal 1995

NOVITÀ in  Philosophia Medii Aevi   
Aggiornamento  al  19 giugno 2011

 


 

 

 


 

inizio


 
 

°°°°°°°°°°°°
°°°°°
.
 

 

INFORMAZIONI ED UTILITÀ UMANISTICHE

 

 

Treccani

“E’...on line il nuovo portale della casa editrice, con oltre 300mila voci già disponibili e in continuo aggiornamento...Gratis. Almeno per ora e sicuramente per quanto riguarda le funzioni di base, ossia la ricerca fra le voci di enciclopedia, vocabolario e dizionario biografico. In futuro saranno offerti contenuti extra con lo schema dei micropagamenti: cerchi Garibaldi e la Treccani ti propone (anche) un saggio sull’Unità d’Italia a un euro.

Il nuovo Treccani.it è frutto del lavoro di tre anni...Le ricerche si cominciano come su Google, poi però si proseguono tramite tag, aggregatori e link interni...e esterni, verso siti o magazine i cui prodotti sono stati selezionati dal team Treccani. Dalla voce specifica si sale a quella generica e viceversa, muovendosi in parallelo o in verticale. I contenuti testuali sono arricchiti da gallery di immagini provenienti dall’archivio Treccani.

Treccani.it integra una Web tv potenziata (con risposte degli esperti a domande degli utenti), una sezione Magazine dedicata agli altri prodotti del gruppo e una per la Scuola, per cui si preparano progetti di e-learning. Ci sono infine le app per iPhone e iPad (a pagamento)...Non poteva mancare la parte social. La Community è l’ulteriore scommessa del progetto, a cui contribuiranno i 160 redattori del gruppo, chiamati ad arricchire e controllare quotidianamente il sito” (cit. da Daily Wired 16/5/11)

http://www.treccani.it/

 

LEI  -  Lessico Etimologico Italiano

Lo scopo del LEI consiste nella raccolta e nella interpretazione scientifica del materiale pubblicato concernente la lingua italiana e i suoi dialetti. Il progetto, iniziato nel 1968 dal prof. Max Pfister e che prevede la pubblicazione di 30 volumi, sarà presumibilmente portato a termine nel 2032. Attualmente la versione a stampa vede completate la lettera A (volumi I-III), la B (vol. IV-VIII), parte della lettera "C" (vol. XI), 3 fascicoli della lettera "D" e 6 fascicoli dei Germanismi. Online sono al momento disponibili interamente la lettera A e la B. (visto 16/5/2011)

http://germazope.uni-trier.de/Projekte/WBB2009/LEI/wbgui_py?mainmode=&lemid=&prefix=a&mode=&openwb=1

 

Mittelhochdeutsches Wörterbuch

“MWB Online ist das Internetangebot des Mittelhochdeutschen Wörterbuchs, eines interakademischen Vorhabens der Mainzer Akademie der Wissenschaften und der Literatur und der Akademie der Wissenschaften zu Göttingen, das in zwei Arbeitsstellen an der Universität Trier und in Göttingen durchgeführt wird (vgl. die Projektseite). MWB online bietet neben einer elektronischen Ausgabe der bereits im Druck publizierten Wörterbuchlieferungen (aktuell: Lieferungen 1-6, bluoten - ëbentiure) verschiedene weitere elektronische Materialien: eine umfassende Stichwortliste mit Verknüpfung in den Verbund der Vorgängerwörterbücher im Internet und in das elektronische Belegarchiv des MWB; das Quellenverzeichnis des MWB; und schließlich eine (zur Zeit noch in Entwicklung befindliche) Suchhilfe für Stichwörter, Wortformen und Quellenverzeichnis.” (cit. dal web propr. 16/5/11)

http://www.mhdwb-online.de/wb.php

 

MICHAEL

I progetti MICHAEL e MICHAELplus sono stati finanziati dal programma eTEN della Commissione Europea allo scopo di creare un servizio innovativo per l’accesso e la promozione del patrimonio culturale europeo. Il progetto nasce dalla collaborazione tra Francia, Italia e Regno Unito e adotta una piattaforma software precedentemente sviluppata in Francia. MICHAELplus estende la partnership a Finlandia, Germania, Grecia, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia, Ungheria. I due progetti procedono allineati e mirano all’ integrazione delle iniziative nazionali nel campo della digitalizzazione del patrimonio culturale e dell’interoperabilità fra portali culturali nazionali, allo scopo di promuovere l’ accesso ai contenuti digitali di musei, biblioteche e archivi.
Il progetto ha creato questo servizio internazionale online per consentire agli utenti di ricercare, navigare, esaminare descrizioni di risorse culturali digitali possedute dalle istituzioni di tutta l'Europa. Ci auguriamo che gli standard tecnici adottati e il modello studiato per la sostenibilità comportino la futura adesione al portale da parte di molti altri paesi. Attraverso il servizio multilingue di MICHAEL gli utenti di tutto il mondo potranno trovare ed esplorare via Internet materiali digitali attinenti il patrimonio culturale europeo.(visto 16/5/2011)

http://www.michael-culture.org/it/home

 

Rete degli Archivi per non dimenticare

“Il portale Rete degli Archivi per non dimenticare è stato inaugurato il 9 maggio 2011, nel corso della cerimonia del “Giorno della memoria”, tenutasi al Quirinale...L’idea di realizzare il portale all’interno del Sistema Archivistico Nazionale (SAN) nasce dalla volontà di valorizzare e rendere disponibili per un ampio pubblico le fonti documentali esistenti sui temi legati al terrorismo, alla violenza politica e alla criminalità organizzata...

...Grazie all’iniziativa e al coordinamento della Direzione Generale per gli Archivi, e alla collaborazione dell’Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario–Icpal  è stato possibile realizzare il portale che raccoglie non solo la memoria che c’è ma anche il patrimonio di buone pratiche, storie e percorsi rendendo rintracciabili i tanti documenti esistenti anche al fine di incoraggiare il lavoro degli storici di oggi e di domani.

Attualmente il portale affronta in prevalenza il tema del terrorismo e si basa sui contenuti tratti dalla pubblicazione della Presidenza della Repubblica Per le vittime del terrorismo nell’Italia repubblicana.

Le sezioni passato e presente, e per approfondire saranno progressivamente arricchite con nuovi contenuti anche in relazione ai fatti di criminalità organizzata e violenza politica. Un comitato scientifico di esperti e storici validerà l’inserimento progressivo delle informazioni.” (cit. dal web propr. 17/5/11)

http://www.memoria.san.beniculturali.it/web/memoria/home

 

BPR  -  Bibliografia del Parlamento italiano e degli studi elettorali

“La banca dati BPR (Bibliografia del Parlamento italiano e degli studi elettorali), sul sito della Camera dei deputati, è stata di recente aggiornata.  La BPR comprende segnalazioni relative a studi sul Parlamento del Regno, sull'Assemblea Costituente, sul Parlamento della Repubblica, nonché alla saggistica sulle elezioni politiche dal 1848 ad oggi.

La BPR è arricchita dalla disponibilità di una serie di testi integrali in formato PDF o HTML "allegati" alla notizia bibliografica, derivanti da accordi con l'editore Giuffrè, dalla digitalizzazione di testi fuori copyright o pubblicati dalla stessa Camera dei deputati, oppure già disponibili in rete (ad es. in Google books o su riviste giuridiche online).

E' possibile cercare i documenti corredati dal testo integrale, selezionando, nella maschera di ricerca, il campo "Con testi allegati" (un'altra consistente parte di full text, in banche dati a pagamento, è disponibile solo dalle postazioni della Biblioteca della Camera e del Senato).

Con l'ultimo aggiornamento, questa biblioteca digitale sulla storia del parlamentarismo, degli studi di diritto costituzionale e di diritto e storia elettorale è stata arricchita da nuove opere monografiche e nuovi articoli di periodico. Tra le opere ora disponibili si possono citare il Commento allo Statuto del Regno di F. Racioppi e I.Brunelli, L'inchiesta nel governo parlamentare, Il gabinetto nei governi parlamentari di G. Arcoleo, Il diritto costituzionale e la politica nella scienza e nelle istituzioni di A. Brunialti”.  (fonte: Fernando Venturini,  Biblioteca della Camera dei deputati  26.5.11)

http://bpr.camera.it/

 

Associazione per l’Informatica Umanistica e la Cultura Digitale

“Lo scorso 25 marzo 2011, è stata costituita a Firenze l’Associazione per l’Informatica Umanistica e la Cultura Digitale, dopo circa un anno di lavori preparatori e discussioni virtuali. L’Associazione ha sede presso la Fondazione Rinascimento Digitale, che ne cura la Segreteria. La neonata Associazione [che] ha subito iniziato a svolgere un ruolo di collaborazione internazionale... persegue i seguenti obiettivi:

a-promuovere attività scientifiche e formative nel campo dell’informatica umanistica e delle applicazioni delle tecnologie digitali alle scienze umane;

b-migliorare la visibilità e la conoscenza di iniziative e risorse individuali, istituzionali e di altre associazioni, facilitando la concretizzazione di idee e progetti interdisciplinari;

c-promuovere l’integrazione delle competenze professionali umanistiche e informatiche di tutti gli interessati;

d-stabilire e consolidare i legami con altre realtà europee ed internazionali che operano nel campo dell’informatica umanistica e delle applicazioni digitali alle scienze umane.” (cit. dal web propr. 30/5/11)

http://www.umanisticadigitale.it/

 

Progetto Sinleqiunnini

“Sinleqiunnini is a dedicated software designed for on-line edition of epigraphical sources and for the management of databases mainly concerned with cuneiform texts. Since its original conception in 2001, the project has developed into a document management system which is able to process a variety of materials (transliterated, as well as normalized texts, photos etc.) and to perform a wide range of automatic functions while operating on different languages and syllabic scripts. Written mostly in Perl, Sinleqiunnini has been conceived as an open-source software providing a set of utilities for friendly interaction with … read moretextual data.” (cit. dal web propr. 31/5/11)

http://www.pankus.com/index.html

 

ECSITE  -  European Network of Science Centres and Museums

“Ecsite is the European network of science centres and museums, linking science communication professionals in more than 400 institutions in 50 countries. Founded 20 years ago, Ecsite connects member institutions through projects and activities and facilitates the exchange of ideas and best practice on current issues.

Members include science centres and museums, science festivals, natural history museums, zoos, aquariums, universities, research organisations and companies communicating and engaging the public in science through accessible, interactive exhibits and programmes.” (cit. dal web propr. 7/6/11)

http://www.ecsite.eu/

 

Europeana 1914-1918

"Europeana 1914-1918" è un progetto internazionale di digitalizzazione, finanziato dall'Unione Europea. Diverse biblioteche di 8 stati europei digitalizzeranno e renderanno accessibile sul Web, attraverso una piattaforma condivisa, una selezione delle loro raccolte afferenti alla Prima Guerra Mondiale. Entro il 2014, centenario delle scoppio del conflitto, il progetto renderà disponibili online 400.000 oggetti digitali di rilevante interesse. "Europeana 1914-1918" metterà anche a disposizione materiali e fonti di supporto alla ricerca storica sulla Grande Guerra.

Nell'ambito di questo progetto, abbiamo avviato questa prima indagine al fine di valutare i desiderata e le richieste dei futuri utenti relativamente alla selezione dei materiali e della fonti e allo svluppo delle funzionalità. L'indagine non si rivolge solo agli studiosi, ma a tutti gli utenti interessati alle tematiche della prima guerra mondiale. Vi invitiamo a riempire il presente questionario per aiutarci a sviluppare nei prossimi anni una collezione digitale esaustiva sulla prima guerra mondiale.” (cit. dal web propr. 9/6/11)

http://tinyurl.com/6bvlo7q

 

Archivio storico del Corriere della Sera

“Il Corriere della sera rende disponibile a tutti i lettori il proprio archivio digitale: sono consultabili gratuitamente i testi di oltre un milione di articoli di firme prestigiose, cronisti e reporter, dal 1992 a oggi.  Inoltre, sono disponibili gli articoli apparsi su Corriere Soldi, Corriere Salute, Corriere Lavoro, Vivimilano e tutte le edizioni di Corriere Economia.

Gli articoli possono essere cercati per parole contenute nel titolo, nel sommario e nel testo, per firma dell'autore e per data. L'archivio viene aggiornato quotidianamente con l'edizione del giorno prima.(cit. dal web propr. 9/6/11)  

http://archiviostorico.corriere.it/archivio/ricercaAvanzata.jsp

 

 

 

 

 

PUBBLICAZIONI  OPEN-ACCESS

Persée

Consente l’ accesso alle pubblicazioni digitalizzate di:

-École française de Rome

-Maison de l’Orient et de la Méditerranée

-Collections numériques de la Sorbonne

(visto il 22/6/11)

The Brecht Yearbook

Pubblicazione della International Brecht Society (IBS): l'intero database, tra cui articoli, recensioni di produzione, recensioni di libri, e le didascalie delle fotografie, è ricercabile per parole o frasi, tra cui i nomi propri e titoli delle opere. Gli utenti possono effettuare la ricerca titoli delle opere di Brecht, sia in inglese e in tedesco. (visto il 22/6/11)

Journal of Art Historiography

Rivista dedicata specificamente allo studio della storiografia dell’ arte senza limitazioni cronologiche: dai tempi antichi alla contemporaneità. (visto il 22/6/11)

Il capitale culturale.  Studies on the Value of Cultural Heritage

Rivista del Dipartimento di Beni Culturali dell’Università di Macerata, che si avvale di molteplici competenze disciplinari (archeologia, archivistica, diritto, economia aziendale, informatica, museologia, restauro, storia, storia dell’arte) unite dal comune obiettivo della implementazione di attività di studio, ricerca e progettazione per la valorizzazione del patrimonio culturale. (visto il 22/6/11)

Il Mondo degli Archivi  

Quadrimestrale di informazione e dibattito a cura dell’ ANAI (Associazione Nazionale Archivistica Italiana) con il contributo della Direzione Generale degli Archivi del MiBAC. (visto il 22/6/11)

 

 

 

 

ARTICOLI  -  SEGNALAZIONI  -  RECENSIONI

DOAJ, la Directory of Open Access Journals che raccoglie riviste accademiche e scientifiche ad accesso libero, full text, soggette a peer-review, multilingue e multisoggetto, ha rilasciato oggi la nuova versione dell’interfaccia del sito web. La grafica del nuovo sito è pensata per facilitare la navigazione e rendere il sito maggiormente accessibile a persone con ridotta capacità visiva.

(cit. da: Ciber Newsletter  1/5/11)

Accesso aperto alla ricerca: cosa cambia. Come cambia la ricerca se entrano in gioco mandati da parte delle istituzioni che la finanziano? E’ l’oggetto del paper di Stevan Harnad “Open Access to Research: Changing Researcher Behavior through University and Funder Mandates“, disponibile ad accesso aperto sul repository dell’University of Southampton e pubblicato su JEDEM, Journal of Democracy and Open Government, rivista OA. (cit. da: Ciber Newsletter  22/6/11)

Bollettino telematico di Filosofia Politica. Pubblicato dalla Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Pisa, è diventato un overlay journal, cioè una rivista “copertina” peer-reviewed che recensisce  e  segnala articoli ad accesso aperto depositati altrove. (visto il 22/6/11)

Institutional Repositories and Digital Preservation: Assessing Current Practices at Research Libraries, articolo sulla conservazione a lungo termine degli oggetti digitali pubblicato sul D-Lib Magazine. (visto il 22/6/11)

 

 


 

inizio

 

 

 

STRUMENTI, TECNICHE E SUGGERIMENTI PER LA RICERCA

 

 

 

Newsletter del Ministero dei Beni Culturali

E’ possibile ricevere un notiziario in posta elettronica sulle attività del MiBAC: l'appuntamento, che contiene la sintesi delle informazioni salienti pubblicate sul sito del Ministero, è settimanale (il venerdi pomeriggio) e gratuito. E’ anche disponibile un archivio degli arretrati.

Iscriversi al notiziario è molto semplice : basta inserire nell’ apposito  modulo il nominativo e l'indirizzo di posta elettronica presso il quale si vuole riceverlo e confermare con una mail di risposta. Gli stessi dati possono essere usati per cancellare il proprio indirizzo dalla lista di distribuzione. (visto il 28/5/11)

http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/MenuServizio/Newsletter/index.html

 

Immagini

Elenco di strumenti di ricerca per immagini suddiviso nei sottolenchi : Arte, Generalisti, Motori inversi (cercano immagini simili partendo da un’ altra immagine)

http://biblio.lett.unitn.it/immaginimotori.htm

 

inizio

 

 

 

***************************
A cura di   Carlo Favale
Internet per gli Umanisti   http://biblio.lett.unitn.it/


 

 

Nota:
1-Il presente notiziario ha lo scopo di fornire indicazioni  per la ricerca online in ambito di discipline umanistiche e di strumenti utili per la medesima. Il sito è costruito in base agli interessi culturali gravitanti intorno alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Trento, tenendo tuttavia presenti  anche ambiti più ampi e generali

2-È tassativamente esclusa qualsiasi intenzione di pubblicità palese od occulta: l'indicazione di eventuali siti commerciali tiene conto unicamente dei contenuti atti a soddisfare il punto precedente senza alcun riferimento alla parte commerciale dei siti in oggetto.

 

 

 



 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
   
 ciau Sa'!

;-)))