*************
*********
***
*
Carlo  Favale
 

Poesie ‘mbriache
 

date, ore e luoghi vari


 
 
indice
posta
 indietro

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Index Carminum




* Osteria romana
* Fontane romane
* Dialogo tra il Potere e il Popolo
* La Commugnone
* Stile dannunziano
* Dolce stil novo
* Escursione
* Cazzatina notturna
* Lettera
* Stile pascoliano

* Stile ungarettiano

 
  

 incipit

 
 
 
 
 
 
 
 

OSTERIA ROMANA



Annà per caso all’osteria;
entrà;
le strisce de la tenda che s’attorcijeno a le mano;
‘na zaffata de muffa de vino;
‘n’atavica puzza de sighero toscano.
Urli de briscola
che se frammischeno ar tressette.
“Un quarto”, “Hai perso”, “E’ corpa tua”,
“Nun capisci un cazzo!”.
Er marmo de li tavoli fa fresco in della sera,
le frasche coll’affreschi te fanno sincero er beve:
e canti e magni e giochi e polemizzi,
e mentre passa er tempo er popolo se pasce.
E sovra a tutto:
l’ostessa, enorme, comanna li vecchiacci. 

 

 

 

 

indice

 
 
 
 

FONTANE ROMANE


C’e’  ‘na fontana che zampilla,
fai ‘n ‘ antro passo,
e zampilla ‘n’ antra fontana.
E zampillando zampillando te giri tutta Roma.
Ma che cazzo so’ tutte ‘ste fontane,
‘sto scroscio d’acque
che ner silenzio de la notte te fanno viva
la città che vivi?
Sorelle de mignotte,
colla stessa madre, Roma,
che ‘ja ‘nsegnato a tutte quante
de fa’ da compagnia
a chi cerca de sta’ solo ‘nsieme a lei. 

indice

 
 
 

DIALOGO TRA IL POTERE E IL POPOLO


Disse er Porco all’Aquila sovrana:
“Io magno, m’engrasso e ‘un pens’a gnente”
“Sii” disse l’Aquila “tu magni e te sprofonni,
ma nun lo sai che poi chi scoppia*  è ‘a gente”

*"scoppia":  anziché scoppiare la panza del
                      porco, può scoppiare l'insurrezione!
  

indice

 
 
 
 
 
 
 
 

LA COMMUGNONE



“Er Pane Sacro è  ‘ndispensabbile:
si volete la sarvezza eterna,
la Carne de Gesù, ch’è interna
dentr’ a quest’Ostia friabbile,

voi dovete da magnà co’ fede:
così nun c’è pericolo ch’er Fato
ve faccia da morì dentr’ar peccato.
Ve lo dich’io: beato a chi ce crede!”

“Santità, Voi c’avete raggione,
e onoramo er comannamento
che dice che ce vo’ la Commugnone:

però, ce sa più sacro quer momento
che fa er Cibo all’anima in unione,
si pur’ in panza mettemo un alimento!” 

indice

 
 
 
 
 

STILE  DANNUNZIANO


Tu, dolcissima fanciulla
che nulla
al mondo vuole,
se non l’acerrimo sole che splende,
e ogni giorno più in alto risplende
in questa stagione avanzante
di fragole e rose:
ascolta. Odi le fronde odorose
che il vento alle nari conduce;
vedi la luce
che informa le gemme primizie
che i fiori dapprima,
poi i frutti daranno solstizie.
Ascolta ed osserva,
animata da speme d’amore,
osserva quel sole che muore
ai nostri tramonti silvani;
non muore,
e risorge domani
e riscalda l’amore
che il giorno conserva
e alla notte riserva.
Osserva quel volo d’augelli
che volano a stormo
e tornano agl’alberi folti,
e posano piano,
e cantano piano
per non tormentare quel nulla che opprime,
t’opprime,
amara fanciulla. 

indice

 
 
 
 
 

DOLCE STIL NOVO


Dolce ruscello dai monti sorgente
io paragono a colei che mi pare,
tra tutte le donne che infra la gente
sono, più buona e che più  bella appare.

Al suo apparire il sole fulgente
non rìfulge più, ma anzi scompare:
essa, freschissima luce ridente,
del pellegrino consola l’andare.

Dolcissima, chiara pelle di luna,
che Luna brama, ed invidia Amore,
piàcciati esser qui, dove veruna

donna mai degna vi fu del cuore
e dove un uom trovò mai nessuna
cui poter donare cotanto ardore.
  

indice

 
 
 
 
 
 

STILE CARDUCCIANO

Escursione


Penso a quel Sole che spunta,
tramonta
sui monti che ammanta la neve
ed il prato fiorito
e la roccia, che brilla,
che rosa scintilla e rinnova quel mito pagano
che amo, prògenie di Luna montana e morgàna.
Penso alla Brenta, al Gran Sasso
che salgo con passo preciso;
e improvviso la vetta scompare
al di sotto,
ci appare in sua vece
una verde vallata cui penso
e che vedo se guardo più in basso,
laddove il mio passo ha lasciato un’impronta
ch’ho impressa per mille e più mille
momenti fuggenti ed eterni.
Montagna potente e lontana,
ti vedo Montagna tremenda e vicina,
ti sento, ti vedo e ti sento Montagna vicino
al mio esser bambino
che ama il tuo bosco, la valle,
la vetta rocciosa che teme
ed insieme che brama.
Montagna...che sei, tu, Montagna?
  

indice

 
 
 
 
 
 
 

STILE GIUSTIANO

Cazzatina notturna


Un sonetto vorrei scriver
Per descriver quel che vo’;
ma la mètrica mi manca
e più scriverlo non so.
Accontentati fanciulla:
se due versi sono nulla,
non è “nulla” quel che sento
che mi spinge a tal cimento
per cui a scriverli li sto.
Io ti bramo, fanciullina,
però...amarti...non lo so.
Chi può dire: “so”, “non so”?
  

indice

 
 
 
 
 
 
 
 

STILE CREPUSCOLARE

Lettera

Penso di scriverti una lettera seria
ma la miseria
della mia mente,
in questo punto m’opprime e preme,
pensando al dubbio delle mie brame,
al tuo desìo ch’è la mia speme,
pensando forse che non ti amo,
pensando forse ch’è forse ingiusto
distoglierti ora da quel tuo gusto
ch’amar ti fa il tuo amor lontano:
Non voglio turbarti mia cara fanciulla,
né credo di farlo con questa mia burla,
ma se nonostante ti stai tu turbando,
saper tu devi che non ti sto burlando.
...”Amor che ne la mente mi ragiona...”
Dei versi mi sovvengono in memoria,
che amor ricordano,
ma amicizia regna.
Non so se amor tra noi è regnante
ma certo amicizia è tra noi imperante,
(così io spero perlomeno, io,
e per facilitar la rima, ti dirò
ch’è il mio attual desìo.
Perchè amicizia regna nel mio cuore adesso
ma amor nel dubbio può mescolarsi in esso) 

indice

 
 
 
 
 
 
 

STILE PASCOLIANO

 

Perchè a’ tuoi scherzi omai io sono inviso
e col pensier tu pensi ad altre cose?
né mi rinarri più, con pianto o riso,
de’ tuoi incerti passi spine e rose?

Eppur vedendo gli occhi del tuo viso
io vi scorgo le pupille erose  (1)
dal mal che coglie chi ha il cor diviso  (2)
e che le spemi sue fa esose.  (3)

Che vale allora, dolce fanciulla,
l’inebriamento ottuso nelle cose
che celano il tutto elevando il nulla?

Le tue risa di gioventù odorose
io non l’ascolto più, perchè le annulla
la lega (4) enorme che tra noi si pose.
 

Note:  1- “Erose”(fig.): erose dall’intenso scrutare
              2- “Dal mal...diviso”: il “mal” è l’incertezza
              3- “Esose”: esigenti (nel senso di sempre più irraggiungibili)
              4- “Lega” (misura metrica): distanza (in senso psicologico)

indice

 

STILE UNGARETTIANO

 La crisi

 “M’ incazzo immensamente”


  

indice